domenica 31 maggio 2015

BookInFront: ED HO SCELTO TE#1


Buona domenica a tutti amici di Everpop! Mio caro, carissimo Everpopolo, se la volta scorsa ci siam lamentati delle cover italiane, e in quello precedente abbiamo esplorato il mondo delle Instaosessioni, oggi ci dedicheremo a:

LIBRI CHE HO SCELTO PERCHE’ LA COVER MI PIACEVA

Scoprite con me alla fine se quei libri mi han deluso o no.
GLI OCCHI GIALLI DEI COCCODRILLI DI KATHERINE PANCOL
Mi sono avvicinato alla prima trilogia della Pancol vedendo su internet la cover della seconda ristampa de “Gli occhi gialli dei coccodrilli”. Da quel giorno, mi sembrava di vederla un po’ ovunque: quella sua vista degli edifici dabbasso, quello sfondo netto che contrasta…Questa cover mi piaceva un casino (e poi il prezzo è sempre stato abbordabile). Quello che mi ha convinto poi, totalmente a leggere la trilogia, sono stati i tre titoli.
VOTO (POST LETTURA): 4/5 
OGNI GIORNO DI DAVID LEVITHAN
Questa cover mi guardava in Feltri, ogni santo giorno che andavo in uni, e per un anno interno non ha fatto altro che fissarmi dall’alto del suo scaffale. L’uso del blu, le sagome galleggianti, non potevo non rimanerne incantato. Quando poi decisi finalmente di prenderlo…ecco che divenne introvabile (se non fosse stato per il regalo di compleanno, di quest’anno, da parte di R., mi starei ancora disperando). P.S. Lessi a suo tempo il libro in Ebook.
VOTO (POST LETTURA): 4/5
SHIVER DI MAGGIE STIEFVATER
Lo ammetto, Shiver mi incantò con i suoi tre tagli centrali (provate a trovare una copia sana, che non abbiano rotto in libreria). Quella “novità” mi intrippò in un modo pazzesco, che presi al volo il volume senza nemmeno pensarci su; maledetti tagli! Non ho mai finito di leggere la trilogia, perché annoiato dal finale del secondo libro, che mi sembrava la stessa identica cosa del primo.
VOTO (POST LETTURA): 2/5
DUE VARIANTI DI ME di DANI ATKINS
Il mio sbaglio più grande, che non rifarei. Il libro che “ti seduce, e poi t’abbidona”. Preso durante il mio tour dei Libraccio di Milano, lo presi al volo per la cover carina, pensando che contenesse una bella storia (mi ha beffato il riferimento a Sliding Doors nel retro della cover). Un applauso al fotografo della cover, che bisogna ammetterne la bravura.
VOTO (POST LETTURA): 1/5
WONDER DI R.J. PALACIO
Che io ami Wonder, questo è ormai risaputo. Ma la storia che c’è dietro? Be’ eccola: vidi Wonder, un giorno, per caso, nella sezione ragazzi della Feltri. La pila di Wonder era coperta da Hunger Games 2. Poiché ho questa mania, che mi costringe a rimettere tutto al proprio posto, spostando HG2, spuntò Wonder, con la sua cover azzurra, il suo protagonista in bianco e nero (un viso particolare, pensai); una cover piacevole anche al tocco (adoro questo tipo di trattamento di copertina). Lo ebbi in regalo lo scorso compleanno, grazie a D. (con la quale avevo parlato del libro, una settimana prima del compleanno). Non aggiungo altro, perché sapete quanto è forte la mia #Wondermania.
VOTO (POST LETTURA): 5/5 

Siamo giunti alla fine, stavolta sono stato piuttosto celere, devo ammetterlo, ma solo perché sto preparando i prossimi post (uno in particolare mi sta facendo perdere tantissimo tempo [spero di riuscirlo a finire per domani]).
See you soon! -Lewis.
p.s. Che poi, anche il mio amore per i libri di Levy è iniziato così!

Nessun commento:

Posta un commento