lunedì 18 maggio 2015

BookInFront: I Precetti di Wonder (10)


Buondì amici di Everpop, siamo giunti all’ultimo appuntamento con i Precetti di Wonder (NON CI POSSO CREDERE!). Sarà dura dire addio ai Precetti, perché mi ero affezionato davvero, ma è ora che si passi agli aforismi di altri libri. Vorrei ricordarvi inoltre, che tra ben DUE giorni, uscirà l’attesissimo seguito di Wonder, Il libro di Julian (mercoledì prenderò il treno all’alba per prendere la primissima copia in Feltrinelli), che (son sicuro) divorerò in poco tempo, e ovviamente recensirò! Bene, detto questo, passiamo al precetto
L’ultimo precetto, quello estivo, quello di Giugno, è uno dei tre che più mi ha infuso forza (Wonder ha aperto un mondo, all’interno del mio cuore). IL PRECETTO DI GIUGNO:
Vivi l’oggi e cerca il sole (The PolyphonicSpree, “Light and Day”)
SVOLGO (per l’ultima volta, sperando che in Wonder 2 ce ne siano altri)
Vivere. Parlare della vita è, senza ombra di dubbio, la cosa più difficile che si possa fare; semplicemente perché la stragrande maggioranza delle volte diamo per scontato il suo valore, la sua importanza, prescindiamo da essa. Vivere è un verbo che tendiamo a coniare raramente. Molte volte ci affidiamo a questa parola, a questo verbo, quando ci sentiamo in difficoltà. Fateci caso, è raro sentir esprimere questo termine in giorni felici e lieti. Ma forse, è proprio in quei giorni che bisogna ricordarsi di questo termine. Vivere l’oggi (a mio parere), significa aprire il proprio cuore alla vita, pensare in funzione di essa, ovviamente…VIVERE. Molte volte si sente spesso dire: “Vivi ogni giorno, come se fosse l’ultimo”, questa è un’espressione dannatamente odiosa, perché io preferirei vivere piuttosto “Ogni giorno, come se fosse il più speciale di sempre”. Questa è secondo me la giusta espressione, ciò che sarebbe giusto fare. Vivo la vita, perché il più grande e importante dei doni. Vivo la vita, per esprimere me stesso. Vivo la vita, per essere ciò che sono. Vivo per essere. Non importa se si è bianchi, neri, ricchi o poveri. Non importa se siamo a terra, o stiamo volando. Non importa se la vita ci sorride, bisogna capire in che modo lo fa, perché credetemi essa ci sorride ogni singolo giorno. Vivere cercando il sole, significa, vivere e godere appieno delle gioie della vita, e dei dolori che essa ci para davanti, perché essi, entrambi, fanno parte di quella che si chiama Vita.

Avrei voluto scrivere tanto altro ancora, ma forse sarei stato semplicemente pedante e ripetitivo.
Per oggi è tutto, con Wonder siamo ormai giunti al termine. Dieci precetti, dieci pensieri, dieci finestre sulla vita. Dopo questi dieci temi, ho capito in quanti modi diversi si può affrontare un singolo giorno.
Ricordate sempre di Scegliere la gentilezza. Io l’ho fatto, scegliendo di leggere Wonder e facendo miei i suoi insegnamenti.
See you soon. -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento