lunedì 9 maggio 2016

Libri, Letture, e (La) Recensione: Il Grande Evento di Peter Handke


Buongiorno con una nuovissima recensione! Stavolta vi parlo e vi presento un libro serio ed intenso, edito dalla Garzanti Editore!
 
"Non poche città del mondo pretendevano di essere la vittà delle città. E questa lo era, in ogni caso per l'istante di adesso, e cosa c'era di più bello dell'Adesso?"

 
IL GRANDE EVENTO

di Peter Handke
                                                                                       

TITOLO ORIGINALE: Der Grofe Fall

 
EDITORE: Garzanti

GENERE: Narrativa Generale

PAGINE: 180

PREZZO: 20,00€

USCITA: 14 apr 2016



 TRAMA 

È una mattina d’estate e un temporale improvviso e violento irrompe nel silenzio della camera da letto in cui dorme il famoso attore. La donna che era con lui se ne è andata, lasciandolo solo tra le lenzuola bianche e il ticchettio insistente della pioggia contro il vetro. L’uomo apre di scatto gli occhi e per la prima volta nella sua vita percepisce il peso della solitudine. Da anni non si misura più con il palcoscenico, non sa più raccontare una storia, non riesce più a farsi folgorare da un’emozione. Ma mentre si alza e pigramente inizia ad aggirarsi per l’appartamento della sua amante, capisce che l’unica cosa di cui gli importi è finalmente ritrovare l’emozione di sentirsi vivo. Così esce di casa e inizia a camminare, senza una mèta o una destinazione. Attraversa parchi, quartieri multietnici, sottopassi autostradali, vie fatte solo di freddi palazzi di vetro e specchi e scorci invece antichi, popolati da volti segnati dalla storia e dalla vita di una città in perenne trasformazione. E mentre il paesaggio intorno a lui si trasforma, anche l’uomo inizia a sentire la sua anima cambiare. Fino a ritrovare, arrivato finalmente in centro, gli occhi della donna che l’ha lasciato la mattina. E trovare forse, nello specchio delle sue iridi, il riflesso della sua esistenza. Peter Handke ci regala un viaggio dentro l’intera umanità. Perché in mezzo all’ordinario si nasconde la meraviglia dello straordinario e la sua narrazione trasforma lo sguardo di chi legge in stupore e grandezza. Il grande evento è l’opera più matura di un vero maestro.

MY POINT OF VIEW
                                                
                                                    

Questa è senza dubbio una delle letture più interessanti di questo 2016, e anche la più seria tra tutte. Un libro profondo, scritto da un autore immenso, che ahimè non conoscevo prima de Il grande evento, che mi ha tenuto incollato alla lettura, dalla prima all’ultima riga. Una storia letta tutta d’un fiato, in un solo giorno, e riletta poi per poterne apprezzare nuovamente il fascino insito nella storia. Quando ho preso in mano questo libro, incuriosito dalla trama letta online, non sapevo davvero cosa aspettarmi da Handke, di cui non sapevo nulla, ne avevo letto nulla. Di certo non mi sarei mai aspettato di ritrovarmi tra le mani un libro così interessante, che a tratti mi ha ricordato una versione molto più matura di uno dei miei libri preferiti: “Il segreto di Joe Gould, un libro che mi ha fatto innamorare dello stile e della scrittura di questo autore a me sconosciuto, e che mi ha permesso inoltre di viaggiare attraverso le pagine e la scrittura attenta e delicata di questo libro.
Viaggio. Questa è senza dubbio la parola che più contraddistingue questo libro, anche se più che un viaggio, questo sembra più un vagabondaggio, una “passeggiata” attraverso la vita, ma soprattutto volto alla sua riscoperta. Il protagonista di questo romanzo, l’attore di Handke (il mio attore, come ci tiene lui a sottolineare), esce di casa, parte per il suo viaggio, e continua a camminare fino alla fine. La meta? Nemmeno lui la conosce, ma non importa, perché quando c’è qualcosa di più Grande a guidare un uomo, non importa tanto il punto d’arrivo, quanto piuttosto il percorso, ciò che c’è nel mezzo tra l’inizio e la fine, che è anche la parte più interessante del viaggio, ed è inoltre l’essenza stessa della vita, il suo riassunto. Questo Handke ed il suo attore lo sanno, e lo dimostrano saggiamente ogni volta che il percorso del protagonista incrocia quello di qualcun altro. I punti di congiunzione tra l’attore e le persone che incontra lungo il suo cammino, sono le parti più interessanti di questo libro, i motivi che spingono l’attore a rivelarsi. Attraverso gli altri infatti il lettore riesce a scoprire, a tratti ritmati, la vera essenza del protagonista, gli attimi salienti (a volte attimi che alcuni di noi potrebbero trovare irrilevanti) della sua vita. Un viaggio insomma che permette al lettore di aprire diverse finestre, che però affacciano sullo stesso sfondo: il mondo.
Ciò che inoltre mi ha permesso di apprezzare ulteriormente questo romanzo, è il fatto che l’autore si sentisse parte integrante della storia. A lui spetta si il ruolo di narratore, ma allo stesso tempo, per via della sua presenza costante, riesce a vivere la sua storia, allo stesso modo dell’attore, riuscendo persino per certi versi ad affiancarlo.
In conclusione, questo si è rivelato essere un viaggio profondo (soprattutto per me) ed emozionante, ricco di spunti interessanti che danno da pensare (e che ti incitano in certi punti a fermarti), volta alla riscoperta di se stessi, e attraverso le strade della vita, semplicemente analizzando dei punti, a volte delle costanti, che molte volte sono semplicemente dei “fatti quotidiani” che nemmeno ci rendiamo conto di quanto possano essere importanti, per la vita.
Se non conoscete Peter Handke, questo è il momento giusto per riscattarvi, magari concedendovi la lettura di questo libro, che saprà senz’altro aprirvi la mente, e far breccia nel vostro cuore.

C'è qualcuno tra voi che ha letto questo libro? Fatemi sapere cosa ne pensate voi eh!
See you soon! -Lewis

9 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Okay, lo devo leggere! Entra subito in WL.
    -Benedetta-

    RispondiElimina
  3. Una trama interessantissima e diversa dal solito,proprio quello che fa per me in questo periodo. Nemmeno io conoscevo questo autore e nemmeno il libro

    RispondiElimina
  4. Una trama interessantissima e diversa dal solito,proprio quello che fa per me in questo periodo. Nemmeno io conoscevo questo autore e nemmeno il libro

    RispondiElimina
  5. Che carina la foto con sfondo minions!! *-* Comunque questo libro mi colpisce molto soprattutto per la trama, non ne avevo mai sentito parlare ne del libro ne dell'autore!

    RispondiElimina
  6. Che libro fuori dagli schemi, mi incuriosisce parecchio... E la TBR si allunga a dismisura!

    RispondiElimina
  7. Nemmeno io ho letto nulla di questo autore. Il titolo colpisce, per non parlare della trama... e poi la recensione mi ha incuriosita quindi me lo segno!

    RispondiElimina
  8. Io conoscevo Handke, da tempo. Con questo libro l'ho "semplicemente" riscoperto, ed anche io lo consiglio

    RispondiElimina
  9. Io conoscevo Handke, da tempo. Con questo libro l'ho "semplicemente" riscoperto, ed anche io lo consiglio

    RispondiElimina