venerdì 14 ottobre 2016

Libri a Tappe: Fangirl BlogTour (QUINTA TAPPA: Fanboy Day)


Buon venerdì amici di Everpop! Questa settimana strapiena di Blogtour si chiude proprio con uno dei più attesi, quello dedicato a Fangirl di Rainbow Rowell! Nella tappa di oggi scoprirete la dura vita del Fanboy!



FANGIRL
di Rainbow Rowell
                                                                                           

TITOLO ORIGINALE: Fangirl

EDITORE: Piemme

GENERE: Commedia Romantica

PAGINE: 516 pp

PREZZO: 17,00€

USCITA: 18 ott 2016



TRAMA

Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita…


REGOLA NUMERO 1
FANBOY SIGNIFICA OSSESSIONE!
in sottofondo la sigla di Super Quark

Ti svegli e pensi: "Sarà uscito qualche nuovo episodio di questa, quella o quell'altra serie?", "Qualche novità su uno dei tremila fumetti in corso?", "E' stato annunciato il nuovo libro della mia autrice preferita...IL NUOVO LIBRO....speriamo sia il seguito del precedente!". 
Come potete vedere il fanboy si sveglia, la sua sveglia è la sigla di un vecchio cartone animato, già carico d'ansia e curiosità per il mondo e la cultura nerd che lo circonda. Si sveglia per modo di dire, visto che di sicuro durante la notte sarà scattata qualche notifica riguardo il nuovo episodio del telefilm di punta, in diretta mondiale, che l'avrà svegliato. 
Una volta sveglio la prima mossa che fa il fanboy è muovere il braccio, a casaccio perché gli occhi sono ancora chiusi, alla ricerca del suo smartphone. Ricerca che farà immancabilmente cadere a terra tutto ciò che lo circonda, svegliando così tutta la faNiglia. 
Instagram e Twitter son sempre la prima cosa che rimirano gli occhi una volta aperti. Facebook NO! Perché Facebook il giorno seguente agli episodi di punta delle serie TV è LA MORTE! Non provate MAI, e sottolineo MAI, ad aprire Facebook il giorno seguente alla messa in onda di una puntata importantissima. 
Sinceratosi che tutto va bene, che tutto è nella norma, che le news importanti sono state assimilate, in fanboy allunga la mano verso la sua ultima lettura, che lo tiene impegnato per svariati minuti, cancellandogli dalla mente colazione, doccia...ma soprattutto il lavoro/la scuola.
Essere fanboy significa quindi vivere il ritardo! Non ci sarà mai, mai mai mai, un giorno in cui il fanboy riuscirà ad arrivare puntuale, figurarsi in anticipo, perché ci sarà sempre qualche pagina, qualche news, qualche episodio a bloccarlo e rallentarlo!
Una volta uscito di casa il fanboy corre a prendere il treno/metro/bus, perché viaggiare in macchina significa perdere preziose ore destinate alla lettura o alla visione di una serie TV. Qui sui mezzi pubblici il fanboy deve ogni giorno fare i conti con i suoi svariati nemici naturali: i buzzurri rumorosi, che metteranno a dura prova il suo udito; i pachidermi in corsa, che non ci penseranno due volte a lanciarlo per aria, o a lanciare il suo smartphone/table/ereader/libro, pur di trovare un posto a sedere; e gli immondezzai viventi, che lo costringeranno a storcere il naso e ad spingerlo tra le pagine del libro (in alternativa si suggerisce l'utilizzo di un alberello magique a mo' di segnalibro).
Dopo essere sopravvissuto al mezzo pubblico, il fanboy si trascina borbottante verso il posto di lavoro/la scuola, ovviamente con il naso incollato sullo smartphone, che dovrà poi abbandonare all'ingresso. Una volta dentro il fanboy avrà ben pochi alleati: pochissimi colleghi/compagni con cui condividere le proprie passioni e le proprie fissazioni. Varcare la soglia significa accedere in un mondo dove a dettare lo scorrere del tempo è Slowpoke, Psyduck quando il primo va al bagno, nel quale le ore che separano il fanboy dalla pausa pranzo sembrano non passare mai! Ore prive di news, racconti, e lotte di carta e inchiostro, oltre tristi, scandite solo dal fastidioso rumore in sottofondo del mondo circostante.
Non appena scocca l'ora X, il fanboy scatta dalla sedia, e si dirige verso il luogo più quieto e silenzioso dell'edificio, per la tanto ambita pausa pranzo (vedi similitudine con il risalire in superficie dopo esser stati per troppo tempo in acqua). 
Ma si sa, le cose belle son sempre quelle che finiscono prima, e infatti il fanboy torna nel suo loop di noia e apatia (i compiti per i più giovani, il turno pomeridiano per i più grandicelli), dopo aver però fatto man bassa di news ed info.
Una volta concluso il dovere, arriva però finalmente il piacere: rintanato nella sua calda e confortevole camera (in alternativa c'è il tanto amato e ambito divano del salotto) il fanboy prosegue nella lettura del suo libro, o del suo fumetto, o nella visione del tale telefilm, o...o...oppure il tutto contemporaneamente....o forse niente, perché per cercare di fare tutto alla fine riesce a fare ben poco, distratto ed assuefatto com'è dai suoi social!
Questa parentesi di svago però dura ben poco, visto che l'ora della nanna sopraggiungerà fin troppo velocemente, accompagnata da qualche intimazione di uno dei due genitori (di solito è la mamma con tanto di urli incomprensibili) che lo costringeranno a rintanarsi sotto le coperte, magari con l'ereader luminoso, che lo accompagnerà lungo il cammino che lo porterà tra le braccia di Morfeo. 
Se ve lo state chiedendo il fanboy non cena, spizzica qualunque cosa davanti allo schermo del suo pc, nel mentre scrive idee e paranoie su cose da lui stesso inventate, ispirate a quel libro/telefilm/fumetto, perché sappiatelo, il fanboy potrà possedere tutti i difetti di questo mondo, ma una cosa non gli manca: LA FANTASIA, grazie alla quale non ha bisogno degli amici, perché lui se li inventa gli amici (SANTA FEDINA)!
Da qui parte il loop giornaliero. IMPREVISTI: "Tornate al Vicolo Corto senza passare per il via"...ho fatto confusione? Me sa di sì. Be' ci siamo capiti, una volta giunti a questo punto tornate all'inizio del post e ricominciate la giornata. Una volta arrivati al weekend sostituite lavoro/scuola con "ore di nullafacenza in pigiama a leggere e guardare serie tv fino allo sfinimento".


Be' mi sa che ho calato troppo la mano, ma devo ammettere che mi sono divertito, e spero che vi siate divertiti anche voi! Fatemelo sapere, e fatemi sapere qual'è la prima cosa che invece fate voi al mattino!
See you soon! -Lewi

5 commenti:

  1. Non sapevo tutte queste cose del fanboy ahahaha.. adoro tantissimo questo blogtour tour e amerò sicuramente questo libro!

    RispondiElimina
  2. Sonno? A chi servono delle ore di sonno quando ci sono fanfiction da leggere e nuovi episodi da guardare e siti con aggiornamenti da controllare?

    RispondiElimina
  3. Troppo divertente anche questa tappa! La faNiglia! 😂😂😂 Di solito la prima cosa che faccio la mattina è controllare il telefono!

    RispondiElimina
  4. Ahahahahah :-D
    Praticamente sono io!
    Però bisogna aggiungere l'ANSIA, l'ansia di non riuscire a star dietro a tutte le informazioni e il timore di perderne qualcuna per strada, ed è così che ricomincia un nuovo ennesimo giro nelle pagine, blog e forum vari che il fanboy/la fangirl è solito frequentare.
    In un circolo vizioso senza fine :-D

    RispondiElimina
  5. Sto morendo dal ridere! Mi rispecchia in tutto e per tutto! Prsticamente la mattina anche se sono le 8e20 e io devo iniziare a lavorare alla 9 devo prima leggere tutte le news,controllare tutti i 3657382827 post di serie tv libri e chi più ne ha più ne metta, controllare la mia app tvshow time, Twitter, instagram e tutti Gli altri social a poi finalmente vado a lavoro rigorosamente in ritardo! Com'e faticosa la vita da fangirl XD

    RispondiElimina