giovedì 10 novembre 2016

Liete Novelle: The Passenger di Carlo Carlei, Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso (Recensione)


Buongiorno amici di Everpop! Il buongiorno fumettoso si vede dal mattino! Pronti ad imbarcarvi in una storia dai toni cupi e noir, in una Sicilia a tratti oscura, ma contraddistinta da ogni sua grande bellezza?



THE PASSENGER
di Carlo Carlei, Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso
                                                                                           

TITOLO ORIGINALE: 
The Passenger

EDITORE: Tunuè

GENERE: Thriller

PAGINE: 200 pp

PREZZO: 19,90€

USCITA: 10 nov 2016



TRAMA

Una coppia di giovani turisti americani in viaggio di nozze in Sicilia e il boss mafioso Masino Caligiuri, latitante e braccato dalla polizia, incrociano i loro destini in un graphic novel tenebroso e imprevedibile. L’ultimo tentativo del boss di chiudere i conti con il suo passato e ricordare a chi vuole tradirlo il patto scellerato che la mafia ha stretto con lo Stato. The Passenger, che presto diventerà un film diretto dallo stesso Carlo Carlei, è un fumetto dal ritmo serrato, capace di distinguersi dalle classiche narrazioni di mafia e in grado di rielaborare, grazie a colpi di scena mozzafiato, temi centrali come la giustizia e la vendetta.

MY POINT OF VIEW
                                                                               

                                                

Con un fumetto come questo non si scherza mica, e lo si capisce sin dalle prime pagine, che ti trascinano con forza all'interno di una storia dai toni forti, attuali e reali.
Sin dalle prime battute gli autori accompagnano il lettore in una storia nuda e cruda, dalle tonalità oscure, caratterizzata da un taglio volutamente cinematografico, sia livello di trama, che soprattutto a livello di impostazione grafica delle tavole. I toni cupi ed il ritmo veloce e serrato della trama, rendono questo fumetto un'opera travolgente, in continua evoluzione, carica d'azione e mistero, come solo i veri thriller sanno essere.
La storia ci presenta un personaggio assai interessante, e a tratti persino intrigante, Don Masino Caligiuri, un boss apparentemente scomparso che torna a Palermo per "mettere a posto" l'irrisolto. Un personaggio tutto d'un pezzo, caratterizzato da un animo spietato, ma tutt'altro che freddo, e mosso persino da sentimenti veri, piuttosto che la semplice sete di potere e di denaro. Più che come boss, ci viene presentato come l'uomo dietro la maschera, quella maschera a cui siamo solitamente abituati, che non si nasconde e non teme di mettersi in gioco per primo, nonostante sia ormai rimasto solo. Un uomo coraggioso, nonostante il ruolo che ormai interpreta, che riesce a suscitare un certo interesse nel lettore, proprio grazie al suo animo umano, alle sue "debolezze", e soprattutto grazie al suo background ed il suo passato. Il suo personaggio schiaccia senz'altro il co-protagonista, lo "straniero" che viene schiacciato e sopraffatto dalla sua figura.
Per quanto riguarda la trama, ammetto che un po' "The Passanger" mi ha ricordato i romanzi di Camilleri, rivisti però in una chiave molto più dark, anche se l'ho trovato simile anche ad un notiziario contraddistinto da fatti di cronaca nera, elemento che ha reso la lettura dell'opera ancora più scorrevole. I dialoghi, volutamente lasciati nel tipico dialetto siciliano (non so dirvi se c'è una differenza tra i vari dialetti siciliani, quindi se sbaglio ditemelo), risultano infatti profondi e catartici, studiati nel minimo dettaglio, per far da corredo e da cornice (anche se alle volte risultano essere gli elementi di maggior risalto) a tavole minuziosamente progettate. In esse infatti la qualità dei disegni non perde d'intensità neppure per un momento, e tutto si contraddistingue sempre per un'impeccabile armonia nelle proporzioni, e nella veridicità di ciò che è rappresentato. Tutto è avvolto, come per la sceneggiatura, da un'aura fortemente dark, che circonda i protagonisti dell'opera sin dalle prime tavole, quasi come se li avviluppasse in un gioco oscuro e inquietante, che contraddistingue però anche parte della realtà quotidiana di alcuni di noi. All'interno del volume la notte si fa portatrice di sventura ed assume in un certo senso il ruolo di protagonista, affiancando la meravigliosa e tenebrosa Palermo, che si mostra in tutta la sua bellezza, con la sua radicata architettura ed i suoi incantevoli paesaggi. Gli autori infatti, grazie alla loro storia avvincente, riescono ad accompagnare contemporaneamente il lettore in un tour della città, per le strade ed i vicoli che si snodano lungo tutta Palermo.
Un romanzo a fumetti che, in sintesi, corredato da meravigliosi e oscuri disegni, racconta la realtà per come è davvero, senza giri di parole, senza fronzoli e merletti, senza alcuna paura, ma con coraggio, come quello che persino Don Masino dimostra.


Questo nuova piccola perla della collana Prospero's Books, aspetta solo di essere letto ed apprezzato, quando passate in edicola o fumetteria fateci un pensierino, e provate a dargli una chance, vi assicuro che ne vale la pena!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento