martedì 13 dicembre 2016

Liete Novelle: Un treno chiamato amore vol.1 di Garth Ennis e Mark Dos Santos (Recensione)


Me l'avevate chiesta, ed ecco la recensione a questo pazzo pazzo fumetto targato Panini Comics! Tenetevi forte eh, il treno sta per partire.



UN TRENO CHIAMATO AMORE
di Garth Ennis e Mark Dos Santos
                                                                                           

TITOLO ORIGINALEA train Called Love 

EDITORE: Panini Comics

GENERE: Azione

PAGINE: 130pp

PREZZO: 13,00€

USCITA: 8 set 2016





TRAMA

Arriva A Train Called Love, l’ultima fatica del grande Garth Ennis! L’autore irlandese, affiancato dai disegni di Mark Dos Santos, mette in scena una storia che fonde commedia, azione, sentimento e situazioni sopra le righe come da tradizione del più irriverente autore fumettistico britannico!

MY POINT OF VIEW

Ve lo dico da subito, se siete contro il linguaggio spinto, le scene un po' hot, e tutto ciò che di buono non c'è nella vita, mettete da parte questo fumetto questo vostro atteggiamento, perché questo graphic novel va letto!
Sparatorie, film per adulti, amori controversi e amori segreti, chiacchierate nei bar (a volte anche oscene) e poi...colpi di qua, colpi di là...non manca davvero nulla in questo fumetto!
Divertente, coinvolgente, carico d'azione, ma anche un po' spinto e carico di erotismo (ma senza esagerare), "Un treno chiamato Amore" riuscirà senz'altro a tenervi incollati alle sue pagine, con le diverse storie raccolte in questo racconto, tutte a loro modo bizzarre ma tremendamente intriganti.
Questo fumetto si presenta appunto come una sorta di romanzo a fumetti corale, nella quale i diversi protagonisti e le diverse storie (e realtà) interagendo tra loro danno vita a ad una grande e divertentissima storia, d'amore e azione, dal taglio cinematografico.
L'affiatatissimo duo Ennis/Dos Santos riesce a combinare perfettamente tra loro sceneggiatura e disegni, che si combinano tra loro al punto tale da non sembrare un'opera a quattro mani, ma bensì un fumetto scritto e disegnato da un singolo autore.
Alla sceneggiatura di un così bel fumetto travolgente ed esilarante, non poteva che esserci un autore come Garth Ennis, che con il suo talento alla sceneggiatura ha saputo dar vita ad un fumetto che non ha nulla da invidiare al più cazzuto (passatemi il termine) film d'azione hollywoodiano. Anche con i personaggi secondari è riuscito a scendere fin nel dettaglio, per quanto riguarda la loro caratterizzazione, senza però lasciare un velo di mistero e una forte carica enigmatica, che rende il cast di questo fumetto ancora più interessante. 
Il ritmo è travolgente e incalzante, e tiene il lettore incollato alle pagine dall'inizio alla fine, proprio per via della schiettezza e della scioltezza con cui i due autori raccontano le diverse e ingarbugliate storie, condite sempre da scene un po' hot, un po' spinte. E' questo un fumetto che non ha paura di raccontare le cose come stanno, un fumetto che non teme la censura ne i pregiudizi, e che proprio per questo riesce ad esprimersi a pieno!
Per quanto riguarda i disegni, ciò che spicca nel lavoro di Mark Dos Santos è l'espressività che l'autore riesce a far emergere dai suoi personaggi, che caratterizza fin nel minimo dettaglio, con uno stile ed un tratto simile a quello di vecchi videogiochi come Broken Sword (ho trovato molta somiglianza tra i personaggi di questo videogame e quelli del fumetto, e questa cosa mi ha gasato ancora di più). Grazie ad uno stile che varia tra il realistico e il cartone animato, l'autore riesce ad esprimere e differenziare a pieno i momenti più seri e d'azione, da quelli più divertenti e scherzosi.


Ci sarebbe molto altro ancora da aggiungere, ma significherebbe poi cadere nello spoiler, e quindi lascio a voi scoprire ciò che di più bello c'è ancora da sapere di questo primo volume.
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento