giovedì 19 gennaio 2017

Libri, Letture, e (La) Recensione: Color Fuoco di Jenny Valentine


Buongiorno Evereaders! Era da un po' che non vi presentavo un libro nel suo giorno di uscita! Per riprendere le buone abitudini inizio con un'autrice che lo scorso anno riuscì a conquistarmi con il suo stile e la sua bravura! Attenti a non scottarvi!




COLOR FUOCO
di Jenny Valentine
                                                                                           

TITOLO ORIGINALEFire Color One


EDITORE: Rizzoli

GENERE: Young Adult

PAGINE: 223pp

PREZZO: 16,00€

USCITA: 19 gen 2017




TRAMA

Iris, 16 anni, non ha mai conosciuto il padre Ernest, celebre collezionista d’arte, ma soprattutto uomo inaffidabile, a detta della madre Hannah. Ernest ha però una malattia incurabile, e Iris viene spedita al suo capezzale per mettere un’ipoteca sull’eredità che Hannah considera il giusto risarcimento all’irresponsabilità del marito. Ma quando arriva alla villa-museo di Ernest, Iris trova una persona lontana dai ritratti della madre, e d’un tratto tutto ciò che credeva di sapere – su di lei e sul padre – sfuma nel nero. A Ernest non rimangono molti giorni, ma saranno sufficienti a Iris per capire che c’è un nocciolo di bellezza purissima nei segreti che velano la sua infanzia, e che ce n’è uno altrettanto sfolgorante nel suo futuro tutto da scoprire. Un inno ai legami che uniscono padri e figli, e allo straordinario potere dell’Arte, in qualsiasi sua forma, di unirci, cambiarci, renderci eterni.

MY POINT OF VIEW
                                                                     
                                                          

Ancora una volta Jenny Valentine è riuscita a conquistarmi! E ancora una volta è riuscita a farmi innamorare di una sua storia.
Stavolta è il turno di Iris Baxter, una teenager con la passione per i fuochi, le fiamme ed i falò. Iris è una ragazza assai particolare, piena di rancore e rabbia, di tanta tristezza, ma soprattutto di solitudine. E' una ragazza abbandonata sia dal padre, che l'ha lasciata misteriosamente andare via all'età di quattro anni, che da sua madre, la quale nonostante viva con se, la tratta come se non esistesse. Iris è una ragazza complicata, dalla vita incasinata, dalla quale fugge continuamente per rifugiarsi nella quiete ammaliante delle fiamme, a cui da vita qua e là, con oggetti di scarto.
La Valentine anche stavolta riesce a dar voce ad un protagonista "sconfitto", un personaggio che ha una voglia matta di far sentire la sua voce, di poter gridare al mondo il suo pensiero, ma che invece (almeno inizialmente) vive segregato in un mondo fatto di riserbo e sconfitta; un mondo che ad Iris sta piuttosto stretto. Con incredibile naturalezza, ed estrema delicatezza, l'autrice riesce a tratteggiare un disagio molto comune alla gioventù contemporanea, quello appunto dell'abbandono, senza mai cadere nel banale, senza risultare mai, neppure per un momento, monotona e noiosa, ma riuscendo bensì a risultare incredibilmente vera!
Il personaggio di Iris non è il solo personaggio affascinante, ad affiancarla c'è un personaggio assai interessante, suo padre Ernest, un uomo malato, ormai agli sgoccioli, che desidera improvvisamente e inaspettatamente rivedere sua figlia. Ernest è un magnate, un amante dell'arte, un uomo saggio e tutto d'un pezzo, che ha la sua storia da raccontare. Infatti più che la storia di Iris in questo libro viene narrata la (vera) storia di Ernest, i suoi ricordi, i segreti per tanto tempo nascosti (da Hannah, madre di Iris), ma soprattutto le parole mai dette. 
Una doppia storia che procede di pari passo, in un romanzo di formazione duplice (poiché a crescere sono padre e figlia), un romanzo familiare, che parla d'amore, di fiducia e di tanto tanto coraggio. Un mix tematico per un romanzo che ti arriva dritto al cuore con il solo scopo di stravolgerlo, per poi lambirlo e curarlo con le dolci e sensuali fiamme dell'amore, che inaspettatamente legherà indissolubilmente due personaggi.
Altro aspetto importantissimo, fulcro e fondamenta di questo romanzo, è l'arte, che Jenny Valentine riesce ad inserire con incredibile maestria. Capitolo dopo capitolo l'autrice snocciola capolavori su capolavori, facendoceli rivivere attraverso gli occhi (altrettanto affascinati) di Iris, e del suo papà.
Concludo esternando a pieno il mio entusiasmo per questo Young Adult incredibilmente sincero, a tratti anche un po' duro e spietato, dolce-amaro al punto giusto. Un romanzo che non dovete assolutamente lasciarvi scappare, se come me amate quei racconti dove i legami familiari danno vita a storie indimenticabili, e dove l'arte riesce a far sognare tanto il protagonista quanto il lettore!


Non aggiungo altro, se non...CORRETE IN LIBRERIA, perché ad attendervi c'è uno Young Adult che saprà farsi delicatamente strada tra le vie del vostro cuore.
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento