martedì 21 marzo 2017

Libri, Letture, e (La) Recensione: L'Universo nei tuoi occhi di Jennifer Niven


Buongiorno Evereaders, quest'oggi parliamo di un romanzo YA attesissimo, un romanzo che mi ha fatto commuovere, e mi ha dato anche tanto da pensare. Lo leggete sopra, quindi sapete benissimo che si parla del nuovo romanzo di Jennifer Niven, che ancora una volta dimostra la sua immensità come donna e come autrice.



L'UNIVERSO NEI TUOI OCCHI
di Jennifer Niven
                                                                                           

TITOLO ORIGINALE: Holding Up the Universe


EDITORE: De Agostini YA

GENERE: Narrativa YA

PAGINE: 440pp

PREZZO: 14,90€

USCITA:  21 mar 2017



TRAMA

Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell’impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.


MY POINT OF VIEW
                                                                              
                                                               

Allora stavolta prima di iniziare vi chiedo un piccolo sforzo: Pensate alla cosa più meravigliosa (suona male lo so) che avete visto, avete fatto, avete sentito; ora trattenete quell'immagine e chiudete gli occhi, e nel farlo pensate a carta ed inchiostro; ora apriteli e focalizzate la vista in un punto ben preciso: vi apparirà come per magia questo romanzo!

L'intera recensione può riassumersi in Pura Poesia, perché è questo ciò che "L'universo nei tuoi occhi" un poetico inno volto a combattere il bullismo, e a celebrare l'amore che ogni giorno doniamo (o meglio dovremmo donare) a noi stessi e a chi ci circonda. Ancora una volta infatti Jennifer Niven riesce a tirare fuori una marea di sentimenti ed emozioni, un'arcobaleno di gioia, tutto ciò che c'è di più fantastico nella vita, e a imprimerlo all'interno delle pagine del suo romanzo, un romanzo che non parla solo dell'amore tra due ragazzi, tanto diversi tra loro, ma che partendo da questo tema, trattandolo come spunto e/o pretesto, riesce a trattare di temi assai profondi come la Diversità, l'Accettazione di se stessi, il Coraggio (quello che bisogna tirare fuori nella vita di tutti i giorni), il Bullismo (e la lotta che ogni giorno dovrebbe infervorare pur di abbattere questa "situazione").

A parlare stavolta, con l'incredibile delicatezza dell'autrice, sono Jack e Libby, i due nuovi protagonisti che Jennifer fa salire sul palco della vita. Jack e Libby non hanno nulla in comune con Finch e Violet, anzi sono completamente e assolutamente diversi. Ciò che principalmente li differenzia è il loro essere Diversi, la loro appartenenza ad una minoranza (e intendiamo quella scolastica), che li porta ad essere emarginati (entrambi in due modi diversi). Ad un primo sguardo sembrerebbe Libby la più emarginata dei due, per via della sua stazza e del suo passato (per non parlare della sua umiliante apparizione televisiva), ma Libby non è emarginata quanto Jack, il quale pur essendo circondato da centinaia di "amici" vive la sua vita in solitudine, senza poter mai dividere il suo triste e pesante bagaglio (che è la sua vita) con nessun'altro. 

Ma spendiamo prima qualche parola su di loro e sulla loro trama prima di proseguire. Chi sono Jack e Libby? 

Jack è un ragazzo di colore, dalla pettinatura afro, primo di tre figli. Un ragazzo apparentemente normale, anche piuttosto figo se si considera la sua vita scolastica, che però in realtà nasconde un gran segreto: la malattia che lo attanaglia. Jack è infatti affetto da prosopagnosia (ne è affetto anche Brad Pitt a quanto pare) una rara(?) malattia che impedisce di riconoscere i volti delle persone, persino quelli più cari come i propri familiari. Una malattia spietata con la quale Jack deve convivere ogni giorno, senza però poterlo mai rivelare a nessuno...o almeno fino a quando non arriva Libby.

Libby è una ragazza come tante altre, ha un gattino di nome George, e ama la danza (la ama davvero tanto). Tutto normale se non fosse per la sua stazza ed il suo peso. Libby infatti a seguito della morte di sua madre, avventura improvvisamente a causa di un aneurisma, ha iniziato ad ingozzarsi costantemente fino a raggiungere il peso di 300 chili. Per far fronte a questo problema, e per evitare morte certa, Libby viene (lettralmente) prelevata da casa con una gru, sotto gli occhi dei vicini e della televisione. Dopo anni ed anni di terapia però Libby riesce a perdere peso (ben 150 chili), e torna così a scuola, al liceo dove ad aspettarla c'è la crudele e spietata vita liceale, pronta a travolgerla.

Il loro incontro non è certo piacevole, non è come ve lo starete certamente immaginando, ma anzi si rivela essere piuttosto spietato, ed inoltre causa principale dell'incubo scolastico che Libby si troverà a vivere, e ad affrontare. Libby però (a differenza di Violet sottolineiamolo) prende letteralmente di petto la situazione e la affronta con coraggio, proprio come dovremmo fare tutti noi ogni giorno, urlando al mondo quanto ella sia fantastica e desiderata. E ci riesce, soprattutto con il lettore, perché il suo coraggio si tramuta ben presto in un inno, un melodioso inno capace di aiutare, supportare e incoraggiare tanto gli altri personaggi di questo libro quanto il lettore stesso, che non può che uscirne cambiato.

E questo, ancora una volta, dimostra quanto sia eccezionale la Niven, quanto le sue parole possano essere da incoraggiamento per i suoi lettori, quasi come un mantra, che ti travolge e ti resta dentro, spronandoti nel momento del bisogno. Le sue parole sono dolci e delicate, sono raffinate e poetiche, e sembrano quasi sussurrate con dolcezza all'orecchio del lettore.


Insomma, siamo a fine Marzo e credo che abbiamo già trovato uno dei migliori YA del 2017. Un romanzo delicato e romantico, coraggioso e intelligente, che celebra l'amore in tutte le sue diverse sfaccettature. Se come me siete stati vittima di bullismo, e non avete mai trovato il coraggio di farvi sentire (o magari state vivendo questa triste situazione), prendete in mano questo libro, son certo che vi darà la forza, ma soprattutto la voce, che cercate.


See you soon! -Lewis


7 commenti:

  1. Se a inizio anno sei già sicuro di aver trovato uno dei romanzi più belli del 2017 allora non posso che fidarmi del tuo parere ;-)
    La popolarità non sempre porta la vera amicizia e Jack ne è l'esempio a quanto leggo.
    Come si può definire una persona amica se non siamo in grado di essere sincera con lei in ogni cosa???
    Non vedo l'ora di leggere questo romanzo!
    Sono sicura che meriterà un posto d'onore nella mia nuova libreria ♡

    RispondiElimina
  2. Lo sto leggendo in questi giorni e mi sta piacendo da matti *_*

    RispondiElimina
  3. Ok...ho capito...se la fortuna non mi bacia facendomelo vincere con questo BT, lo compro! Lo voglio troppi!

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione, Luigi.
    Come te, già posso affermare con sicurezza che è e rimarrà uno dei romanzi più belli di quest'anno e spero che tutti possano leggerlo e trarne i messaggi più importanti.
    Sicuramente se lo avessi letto tanti anni fa, mi sarebbe stato molto di aiuto,
    mi avrebbe in un certo senso confortata mentre mi chiudevo nella mia "bolla solitaria".

    Eccezionale la Niven, cos'altro dire?

    Ps: ovviamente, avendo avuto già l'onore di leggerlo, non partecipo al giveaway, ma seguirò comunque il BT

    :)

    Eleonora C
    LA BIBLIOTECA DELLA ELE

    RispondiElimina
  5. Le tue recensioni mi piacciono tanto Luigi! Spero di poter leggere questo libro al più presto perché è una storia che merita senza alcun dubbio di essere letta!

    RispondiElimina
  6. Caro Luigi ti confesso di essermi commossa leggendo la tua recensione ♡
    Devo dire che anch'io in passato sono stata vittima di bullismo, ma non ho mai trovato la forza per reagire realmente...
    Se tornassi indietro sicuramente risponderei ad ogni insulto a testa alta, invece di nascondermi e vergognarmi per ciò che mi veniva detto...
    Ritornando al libro, non vedo l'ora di leggerlo, perchè sono sicura che entrerà nel mio cuore.
    I temi trattati sono molto forti, e sono sicura che come hai detto tu, sarà di aiuto a molte persone!!
    Sono impaziente, vorrei leggerlo adesso :)

    RispondiElimina
  7. Violet non la sopporti proprio! XD
    Comunque mi fa piacere che Jack e Libby non abbiano nulla in comune con Finch e Violet. Non perchè non mi siano piaciuti, anzi...sicuramente ho amato Violet più di te XD ma è giusto che sia così dato che sono storie completamente diverse.

    RispondiElimina