martedì 19 settembre 2017

A Tutto Manga: Oogiri di NisiOisiN e AA.VV. (Recensione)

oogiri nisioisin

OOGIRI

Bentrovati amici di Everpop, pronti a iniziare la giornata in compagnia di un'antologia di racconti a fumetti targata J-POP Manga? Oggi vi parlo di Oogiri di Nisiosin e altri autori!
medaka box death note specialOOGIRI
di Nisiosin e Autori Vari
                                                                                             

TITOLO ORIGINALE: Oogiri

EDITORE: J-POP Manga

GENERE: Generi Vari

PAGINE: 230pp

PREZZO: 11,90€

USCITA: 21 set 2017



TRAMA

Uno sceneggiatore fuori dagli schemi, nove maestri del manga. Cosa succede quando vengono assegnati nove temi random a un geniale sceneggiatore, mettendo altrettanti disegnatori al suo servizio? E se questo famoso sceneggiatore fosse NISIOISIN? Così nasce OOGIRI, un'antologia "tagliente" come l'ideogramma da cui prende il nome! Lasciatevi trafiggere dall'originalità e dall'imprevidibilità di questi nove, eccentrici racconti!

MY POINT OF VIEW
                                                                            
                                          

Iniziamo subito parlando di uno dei manga (per me) più attesi di questo autunno, anzi diciamo proprio dell'anno! Un volume ricco e splendido, nel quale sono racchiuse mini storie realizzate da alcuni dei miei autori preferiti che fanno parte della scuderia Jump. Questo volume che celebra la figura di uno dei più talentuosi sceneggiatori di casa Shueisha è un'opera unica nel suo genere, un volume raro e imperdibile che tiene incollato il lettore dalla prima all'ultima pagina, con storie diverse ma sensazionali, tenute insieme proprio dalla figura di Nisioisin (già papà di Medaka Box). Occhi a cuoricino per chi come me adora questo autore e gli altri sensei che hanno collaborato.

Celebrare un personaggio come Nisioisin non è certo cosa facile, soprattutto se consideriamo ognuna delle sue storie, storie bizzarre emozionanti e geniali allo stesso tempo, che si basano su idee spettacolari e fuori dagli schemi e da tematiche che fanno da fondamenta e da ponte di collegamento tra protagonisti e lettori. Chi come me ha letto Medaka Box saprà senz'altro che la parola chiave per identificare i personaggi partoriti dalla mente pazzesca di questo autore è bizzarro, come la caratterizzazione di questi personaggi ed i loro "super poteri" (le anormalità presenti in Medaka Box sono senza dubbio i poteri più pazzeschi e fantasmagorici mai letti nella storia del fumetto giapponese). La parola "bizzarro" rimane al centro delle storie di Nisioisin anche stavolta, come centro e fulcro di storie brevi ma travolgenti, che potrebbero essere a tutti gli effetti i plot per nuove fantastiche serie (o almeno uno ci spera).

Un volume atipico (quando si parla di Nisioisin è sempre il termine adatto) come questo merita un articolo diversa dalle solite, un articolo contraddistinto da tante piccole recensioni, così da poter esprimere lo stupore che le diverse storie sono riuscite a suscitare in me.

LA RAGAZZA NELLA SCATOLA

E' la prima storia, realizzata in collaborazione con Akira Akatsuki (papà di Medaka Box insieme a Nisioisin). E' una storia che trae ispirazione dal Paradosso del gatto di Schrödinger, nel quale la sorte di un gatto può essere stabilita solo aprendo la scatola (fisici di tutto il mondo punitemi ma l'ho spiegata a modo mio), grazie al quale i due autori creano una storia fatta d'amicizia, fiducia e d'amore. Tra le varie storie questa è forse quella che funziona di più, forse proprio per via del grande affiatamento (e la conseguente fiducia) che c'è tra i due autori. Per quanto riguarda i disegni lo stile ricorda in tutto e per tutto quello utilizzato in Medaka, a partire dalla caratterizzazione dei volti e dai tratti distintivi dei personaggi. Risultano quindi ovvi i confronti tra questi personaggi e quelli presenti nell'universo di Medaka.

RUD-EK9

Una storia fantascientifica che mescola scienza e religione, realizzata in collaborazione con Takeshi Obata (papà di Death Note), all'interno della quale i due autori provano a dare una loro semplice interpretazione del Paradiso. A partire da una domanda che almeno una volta nella vita ci siamo posti tutti, "Se esiste un Paradiso, com'è possibile accedervi?", i protagonisti di questa storia riescono a connettere scienza e religione, due mondi completamente opposti e in continuo contrasto che in questo racconto riescono a convivere perfettamente. Pur conservano il suo stile di sempre, il maestro Obata riesce comunque a contraddistinguere i personaggi con uno stile diverso dal solito, che si avvicina a quello di Bakuman ma che si distingue per un tratto più "fanciullesco" (che si avvicina allo stile dei mangaka presenti nella serie [a me ha ricordato il fumetto "Soldi e idee son tutto]).

FIN DOVE POTRESTI SPINGERTI A UCCIDERTI?

Semplicemente inquietante. La terza storia è a dir poco inquietante e quindi perfetta per essere rappresentata da Akihisa Ikeda (papà di Rosario+Vampire). Questa terza storia si fonda sui sentimenti e sulle paure, sul coraggio e sulla forza di volontà, ma soprattutto sull'ansia e sull'angoscia. Rispetto a Rosario+Vampire questa storia breve è riuscita a mettermi ansia sin dalla prima pagina, sia per i discorsi contorti e tenebrosi, sia per l'ansia che si scorge attraverso gli occhi della protagonista. Anche stavolta i disegni non si discostano molto dallo stile del disegnatore, ma bisogna sottolineare una certa maturità da parte del sensei Ikeda, soprattutto nella rappresentazione dei volti e degli occhi, attraverso i quali riesce ad esprimere emozioni e sentimenti. Mi aspettavo una storia paranormale o comunque una storia fatta di mostri e fantasmi, invece devo ammettere che questa sua connotazione "normale e reale" mi ha intrigato parecchio! Anche stavolta i ragionamenti e le tematiche che Nisioisin pone alla base del racconto vengono trattati ed esplicati in maniera impeccabile.

HANGER STRIKE

Ammetto di non aver mai letto nulla di Teppei Fukushima prima d'ora, ma devo ammettere che il suo stile mi piace molto: semplice e kawaii, ma incredibilmente diretto e comunicativo. Nonostante questo stile un po' deformed e tondeggiante, i personaggi rappresentati hanno una forte espressività, soprattutto a livello facciale. Tra le varie storie questa è quella più bambinesca, suggerita anche dallo stile cartoon dei disegni, e come tale si presenta come un racconto privo di pretese. Scazzottate a destra e manca, condite però da la giusta dose di sentimenti, trattati in maniera piuttosto semplicistica, forse proprio per adattarsi ad un pubblico più giovane rispetto agli standard di Jump. Devo ammettere di essere piuttosto incuriosito da questo autore e quindi spero di poter leggere presto qualche sua opera.

UN AMORE DI RIGATTIERE

Inaspettatamente una storia shojo! Nonostante sembri quasi essere una storia per ragazze, Un amore di rigattiere di Aiji Yamakawa è riuscito in qualche modo a conquistarmi. Mi è piaciuta moltissima il modo in cui lo sceneggiatore è riuscito a raccontare questa storia d'amore, riuscendola a riassumerla in poche pagine, cariche però di immensa dolcezza. Nonostante le battute iniziali, caratterizzate da elementi onirici, la storia si tramuta all'istante in una commedia romantica dolce e spensierata. I disegni sono teneri ed eleganti, caratterizzati da un tratto molto delicato ed esprimono la totale indecisione e la paura del protagonista, pronto a tutto pur di conquistare l'amata compagna di classe.
Le ultime quattro storie? Be' ve le lascio scoprire in santa pace, se no che sfizio ci sarebbe?
Questa settimana avete quindi una missione: correre in fumetteria e lanciarvi a capofitto in questa fantastica antologia, un'opera unica nel suo genere contraddistinta da tante piccole perle. Non lasciatevi scappare questo prezioso volume, in un'edizione ad opera di J-POP Manga curata sin nel dettaglio!
See you soon! -Lewis

1 commento: