venerdì 15 dicembre 2017

Libri Letture e (La) Recensione: Dodici Racconti di Natale di Jeanette Winterson

DODICI RACCONTI DI NATALE

Buongiorno e bentrovati amici di Everpop! Alziamo le temperature gelide di questi giorni con una tenerissima raccolta di storie a tema natalizio: Dodici racconti di Natale di Jeanette Winterson.

DODICI RACCONTI DI NATALE di Jeanette Winterson
                                                                                                                  
EDITORE: Mondadori | GENERE: Racconti Natalizi
 PAGINE: 293 | TITOLO ORIGINALE: Christmas Days
USCITA: 17 ott 2017 | PREZZO: € 20,00 | EBOOK: € 9,99
                                                                                                                  

TRAMA

Fantasmi irriverenti e spiriti del Natale; incontri d'amore e trabocchetti; ghiaccioli e slitte e rane d'argento; case stregate e mamme di neve; zuppa inglese allo sherry di papà Winterson e ravioli della «Shakespeare and Company». Dodici racconti e dodici ricette natalizie di Jeanette Winterson.

MY POINT OF VIEW
                                                                          
                                                 

Dodici racconti, dodici storie, dodici piccoli regali da ricevere prima o durante le festività natalizie. Le dodici storie della Winterson sono delle vere e proprie perle, delle storie capaci di scaldare il cuore con semplicità, grazie a all’essenza natalizia che permea ognuno di questi racconti. Tutto sa di natale all’interno dei suoi dodici racconti e grazie ad esse questa magica festività riuscirà a toccare i cuori di quelli in cui fino ad oggi il Natale ha albergato ben poco.

Ho trovato ognuno di questi racconti ben strutturati e ben progettati, scritti con una prosa delicata e allo stesso tempo poetica, una prosa sofisticata e raffinata, che rende ognuna di queste storie unica e speciale. Tutte le storie vengono abilmente raccontate ed esplicate al punto tale da sembrare quasi una sorta di prologo della storia vera e propria. L’unica cosa che forse un po’ mi ha dispiaciuto è proprio la brevità di questi racconti, che per come sono scritti e per le emozioni che suscitano, meriterebbero di essere dei veri e propri romanzi, arricchiti e evoluti. Tra i vari racconti quello che forse mi ha più emozionato è stato “La mamma di neve”, che a mio parere rispecchia proprio il prototipo perfetto di racconto natalizio, il racconto che più mi ha ricordato quelli di Dickens, che per me resta il maestro dei racconti di natale.

E’ semplice ridere e commuoversi con le storie contenute in questo libro; è semplice perché oltre ad essere legate da un filo conduttore (ben evidente), il Natale, le storie sono accomunate tutte da sentimenti fortissimi come la gentilezza, l’altruismo e la bontà d’animo, sentimenti che l’autrice riversa nei diversi personaggi, che si muovono su sfondi natalizi, a volte anche un po’ tristi, proprio grazie a questi sentimenti così forti. Forti come le emozioni che prova il lettore davanti a storie come queste, ottime persino come storie della buonanotte per i più grandi.

Questo volumetto (che tanto piccolo non è) oltre a questi dolcissimi racconti, contiene al suo interno tante ricette, raccolte dall’autrice stessa, arricchite inoltre da esperienze di vita e soprattutto d’amore e amicizia, tutte legate tra loro da quel filo rosso del Natale. In quelle pagine si parla di pudding ma allo stesso tempo anche di altri fantastici autori e di grandi e incrollabili amicizie, a volte nate proprio grazie a queste festività. E’ sì un libro natalizio, ma allo stesso tempo appare come un’antologia completa, un volume che diverrà presto un caposaldo delle feste.

Grazie a storie del genere risulta piuttosto spontaneo chiedersi perché al mondo esiste ancora qualcuno che odi il Natale, perché anche durante questo periodo che dovrebbe portare gioia e felicità (in tutto il mondo), ci sia ancora qualcuno che si comporta da Grinch.


Be' ora tocca a voi accogliere lo spirito del Natale, come? Leggendo questo libro, ovvio!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento