lunedì 22 gennaio 2018

Manga Bites: La culla dei Demoni volume 2 di Kei Sanbe (Recensione)

LA CULLA DEI DEMONI

Buongiorno e buon mercoledì amici di Everpop! Quest'oggi mi sento molto dark e quindi iniziamo la giornata in compagnia di un fumetto dalle tinte oscure: La culla dei demoni di Kei Sanbe.


LA CULLA DEI DEMONI vol. 2 di Kei Sanbe
                                                                                                                  
EDITORE: Star Comics | GENERE: Horror
PAGINE: 218 | TITOLO ORIGINALE: Mouryou no Yurikago
USCITA: 10 gen 2018 | PREZZO: € 5,90 | EBOOK: 
                                                                                                                  

TRAMA
Un viaggio di piacere che si trasforma in un incubo: partiti in nave per una gita scolastica, Ayukawa e compagni si ritrovano bloccati in mare aperto a seguito di un incidente. Come se non bastasse, un feroce assassino si aggira sul relitto e la sua sete di sangue sembra stia “contagiando” anche gli altri passeggeri... Sulla folle “culla” infestata dai demoni, i disperati in cerca di salvezza si sporcano le mani con il loro stesso sangue. Come se sprofondare negli abissi dell’inferno fosse il loro più autentico, oscuro desiderio...


MY POINT OF VIEW
                                                                     
                                                        

Ancora più duro. Ancora più crudo. Ancora più Splatter! Questo secondo volume di La culla dei demoni mi ha trascinato in una spirale di terrore e ansia, lasciandomi con il fiato sospeso più e più volte. Misteri, trame, tranelli e follia in un volume dal ritmo serrato che riesce a spiazzare più e più volte il lettore, grazie ad una trama intrigante e ricca di colpi di scena.

Riprendiamo la storia dove l'avevamo lasciata: la nave capovolta, gli studenti in preda all'ansia e la paura, uno strano e spaventoso killer che vaga per il relitto ed una strana malattia che fa impazzire tutti, attraverso una rabbia folle e spietata. Il gruppo di Ayukawa e Takigawa sta tentando di risalire il relitto, di evadere da questa prigione di ferro e follia e allo stesso tempo sopravvivere stando attenti ai loro stessi alleati. Il gruppo dei nostri però non è l'unico ad essere sopravvissuto e a voler raggiungere la superficie; il gruppo di Serizawa, un folle e spietato compagno di scuola, ha ideato un piano folle ma geniale utile per scoprire gli individui affetti da questa strana malattia, in nome del quale è pronto a tutto pur di mettere in salvo la propria vita, persino a discapito dei propri compagni.

Geniali sono le trame che il maestro Sanbe riesce anche stavolta ad intrecciare, storie di vita diverse ma tutte segnate dal dolore e dall'inquietudine. In questo volume il sensei mostra infatti frammenti della vita di Takigawa, ormai leader indiscusso del gruppo, piccoli ma necessari ricordi che permettono al lettore di comprendere l'animo di questo protagonista schivo silenzioso e dal sangue freddo, caratterizzato da una totale diffidenza verso il prossimo.

Questo secondo volume infatti sembra proprio basarsi tutto sulla sfiducia verso il prossimo e ruota quindi tutto attorno a questo sentimento, che viene enfatizzato capitolo dopo capitolo, attraverso i timori e le indecisioni dei protagonisti; personaggi che brancolano nel buio, sopraffatti dal terrore e dalla paura di venir scoperti dal folle killer che si aggira per la nave e allo stesso tempo spaventati dagli stessi alleati. il timore appare sul volto di ognuno dei personaggi, sulla quale il senso di fiducia sembra essere completamente svanito. Tutti contro tutti insomma, non ci sono alleati in questa culla del terrore, non ci sono amici ne compagni, nella Culla dei Demoni vige la legge del più forte.

Nonostante il fumetto venga catalogato come lettura splatter, devo ammettere che allo stesso tempo può essere letto come una vera e propria storia dell'orrore, diversa dalle solite e proprio per questo incredibilmente inaspettata e maledettamente inquietante. La storia spiazza e lascia senza fiato non tanto per le scene "d'azione" quanto piuttosto per quelle più paurose, quelle nelle quali l'autore predilige l'assenza dei balloon, lasciando libero spazio al colore nero che sembra quasi fagocitare i protagonisti e la nave stessa. Inaspettato è poi il finale che lascia con un grosso interrogativo che spinge il lettore a desiderare ardentemente il terzo volume, che ahimè arriverà qui da noi solo a marzo.

Devo ammettere che questa serie mi sta piacevolmente sorprendendo, volume dopo volume, e spero quindi che mantenga costantemente questa sua aura di inquietudine e azione, che arricchisce e insaporisce i già di per se inquietanti (ma belli) disegni del maestro, che seppur precedenti alla sua opera più famosa, Erased, colpiscono per uno stile caratterizzante, ma soprattutto adatto ad una storia dell'orrore come questa.


Be' ora sta a voi accompagnare i protagonisti in questa loro folle e terrificante fuga dalla nave più cupa del mondo dei manga. Tirate fuori il coraggio, mi raccomando!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento