venerdì 16 febbraio 2018

Libri, Letture (e) La Recensione: Uomini che restano di Sara Rattaro

sara rattaro sperling 2018

UOMINI CHE RESTANO

Bentrovati amici di Everpop! Concludiamo questa ricca settimana con uno dei libri più belli del 2018, letti fino ad ora. Un libro emozionante scritto da Sara Rattaro: Uomini che restano.
UOMINI CHE RESTANO di Sara Rattaro
                                                                                                                  

EDITORE: Sperling & Kupfer | GENERE: Narrativa
PAGINE: 260pp | TITOLO ORIGINALE: Uomini che restano 
USCITA: 13 feb 2017 | PREZZO: € 16,90 | EBOOK: € 9,99

                                                                                                                  

TRAMA

All'inizio non si accorgono nemmeno l'una dell'altra, ognuna rapita dal panorama di Genova, ognuna intenta a scrivere sul cielo limpido pensieri che dentro fanno troppo male. Fosca e Valeria si incontrano per caso nella loro città, sul tetto di un palazzo dove entrambe si sono rifugiate nel tentativo di sfuggire al senso di abbandono che a volte la vita ti consegna a sorpresa, senza chiederti se ti senti pronta. Fosca è scappata da Milano e dalla confessione scioccante con cui suo marito ha messo fine in un istante alla loro lunga storia, una verità che per anni ha taciuto a lei, a tutti, persino a se stesso. Valeria nasconde sotto un caschetto perfetto e un sorriso solare i segni di una malattia che sta affrontando senza il conforto dell'uomo che amava, perché lui non è disposto a condividere con lei anche la cattiva sorte. Quel vuoto le avvicina, ma a unirle più profondamente sarà ben presto un'amicizia vera, di quelle che ti fanno sentire a casa. Perché la stessa vita che senza preavviso ti strappa ciò a cui tieni, non esita a stupirti con tutto il buono che può nascondersi dietro una fine. Ti porta a perderti, per ritrovarti. Ti costringe a dire addio, per concederti una seconda possibilità. Ti libera da chi sa soltanto fuggire, per farti scoprire chi è disposto a tutto pur di restare al tuo fianco: affetti tenaci, nuovi amici e amici di sempre, amori che non fanno promesse a metà.

MY POINT OF VIEW
                                                                          
                                                              

Questo libro mi ha letteralmente stravolto. Ha preso con se un frammento del mio cuore e se l'è portato via, una volta conclusa la lettura, lasciandomi senza fiato e senza parole ed è per questo che oggi sarà incredibilmente difficile per me parlare di questo libro meraviglioso che non portò mai cancellare dalla mia memoria e dal mio cuore, per quanto la sua bellezza vi sia ormai impressa. Anche stavolta Sara Rattaro si è dimostrata immensa, proprio come la bellezza delle sue storie.

Uomini che restano è molto più che un semplice romanzo di separazioni e di allontanamenti, è molto più che una storia drammatica fatta di fragilità; quello di Sara Rattaro è un vero e proprio romanzo di vita, un romanzo che esplora questo tema a 360°, sin nel profondo, per mostrare al lettore entrambe le facce di una medaglia che crediamo conoscere bene, ma che in realtà continuerà a stupirci e a sorprenderci fino alla fine dei tempi. Con questo romanzo, che è un po' anche un romanzo di formazione per due protagoniste ormai cresciute, l'autrice riesce a tratteggiare tematiche diverse e ad infondere esperienze e pensieri nel cuore del lettore, con una delicatezza e raffinatezza comune a pochi altri autori.

Un doppio punto di vista in questa storia, anzi due vere e proprie storie diverse, destinate però ad incontrarsi prima e ad intrecciarsi poi, così da poter crescere spontaneamente e brillare come in realtà meritano. Da un lato c'è Fosca, con la sua vita apparentemente perfetta con la quale dovrà fare i conti quando suo marito decide di rivelarle una sconvolgente verità, destinata a far crollare quella che per lei era sempre stata una favola incantevole. Lorenzo, suo marito, è gay, già da un po' intrattiene una relazione segreta con un altro uomo ed ora vuole riprendersi quella parte di vita che da sempre aveva celato, lasciando così Fosca in balia degli eventi e di se stessa, in completa solitudine. Dall'altro lato invece, perché una medaglia ha sempre due facce, c'è Valeria anche lei abbandonata dal marito, dopo ben dieci anni di matrimonio, a causa di una conoscenza avvenuta nel momento sbagliato. Lei non è proprio sola, ahimé, perché a farle compagnia c'è un perfido e spietato cancro che non fa altro che indebolirla giorno dopo giorno. L'incontro e l'intreccio di queste due esistenze farà sbocciare la speranza e tanto coraggio in quelle che ormai non sono altro che le ceneri di due grandi donne.

Attraverso le imperfezioni delle loro vite, molto simili a quelle di tutti noi, la Rattaro ci parla di vita e quindi anche di morte, di sofferenza e quindi di speranza, di sconfitte e quindi immancabilmente di forza. E' impossibile non perdersi tra le pagine di questo libro, poiché nascoste tra le parole di questo romanzo ci sono le vite di tutti noi, le nostre esperienze, il nostro passato e forse chissà anche il nostro futuro. Quella di Uomini che restano è un po' la storia di tutti noi, perché almeno una volta nella vita ci siamo ritrovati a terra, come le protagoniste, sconfitti da una vita che credevamo spietata e che sembrava trattarci con indifferenza. A tenere insieme le parole, intervallate da dolori e insicurezze, è proprio la vita, quella che l'autrice riesce a descrivere e narrare con sicurezza e spontaneità, quella che si rispecchia sui volti di Fosca e Valeria e del loro futuro.

Due meravigliose storie, due indimenticabili voci, che si alternano in questa fragile e delicata narrazione fatta di tristi sconfitte, di pianti dolorosi e di sogni ormai infranti. Due donne alla ricerca di quella forza che le permetta finalmente di andare avanti e prendere così le redini di una vita che per anni non ha fatto altro che prendersi gioco di loro. Due vite diverse accomunate da un coraggio e dalla voglia di rialzarsi e andare avanti, sbocciata proprio dal loro incontro, che travolgono il lettore sin dalle primissime pagine, attraverso una prosa raffinata ed elegante, intervallata da annotazioni e parole capaci di far vibrare le corde del cuore, con una semplicità unica. Un cambiamento, quello comune ad entrambe, che empaticamente arriva fino a chi legge, spingendo un po' tutti a cambiare e ad infondere quel coraggio che alla base stessa di questo romanzo. E' impossibile rimanere indifferenti davanti a Valeria e Fosca, davanti alla loro storia e la loro forza di volontà, così com'è impossibile non commuoversi, a più riprese, davanti ad una storia triste ma anche incredibilmente romantica.


Il mio cuore mi suggerisce che ci sarebbe tanto altro da dire e tante altre emozioni da esprimere, ma come vi ho detto questo romanzo mi ha lasciato letteralmente boccheggiante, privo di voce ma carico di speranza ed insegnamenti. Sono qui oggi per esortarvi a leggere questo libro e, perché no, a commuovervi come è successo a me!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento