lunedì 9 aprile 2018

Liete Novelle: La spaventosa paura di Epiphanie Frayeur di Séverine Gauthier e Clément Lefèvre (Recensione)

LA SPAVENTOSA PAURA DI EPIPHANIE FRAYEUR

Buongiorno e buon lunedì Evereaders! Iniziamo questa nuova settimana con una graphic novel che poi tanto spaventosa non è. Oggi vi parlo di La spaventosa paura di Epiphanie Frayeur di Séverine Gauthier e Clément Lefèvre.

LA SPAVENTOSA PAURA DI EPIPHANIE FRAYEUR di Séverine Gauthier e Clément Lefèvre
                                                                                                                  
EDITORE: Tunué | GENERE: Favola Moderna
 PAGINE: 100pp | TITOLO ORIGINALE: L'épouvantable peur d'Epiphanie Frayeur
USCITA: 22 mar 2018 | PREZZO: € 17,00 | EBOOK: 
                                                                                                                  

TRAMA

Le paure di Épiphanie crescono più veloci di lei. La ragazzina ha paura di tutto, sempre. La sua paura è un'enorme massa nera multiforme che la segue ovunque, attaccata ai suoi piedi come fosse la sua ombra. E Épiphanie è una di quelle persone che verrebbero spaventate anche dalla propria ombra, appunto. Al compimento dei suoi nove anni la bambina desidera domare la sua paura e non subirla più, e in questo viaggio di ricerca farà degli incontri speciali: uno psichiatra, un parrucchiere, un cavaliere senza macchia, un domatore di belve, una veggente. Riuscirà Épiphanie a stabilire dei nuovi legami che la possano rendere più forte e coraggiosa?

MY POINT OF VIEW
                                                                          
                                                 

Non lasciatevi ingannare dal titolo, perché aprendo questo volume vi ritroverete davanti ad una storia dolcissima, una storia fatta di paure e timori ma anche (proprio per queste paure) di tanto tanto coraggio. Devo ammettere che con Epiphanie è stato amore e prima vista, sin dalla prima apparizione della cover sul web, leggendo poi questo graphic novel ho poi avuto la conferma: questa è una gran bella opera, che sottolinea ancora una volta la bellezza del catalogo Tipitondi, che di titolo in titolo riesce a crescere ed arricchirsi sempre più.

La protagonista di questo nuovo Tipitondi è Epiphanie Frayeur (già il nome, che mi sembra uno scioglilingua, è tutto un che dire) una ragazzina solitaria e timorosa che vive circondata dall'ansia, dalla paura e da svariati timori che le si palesano davanti agli occhi nelle vesti della sua stessa ombra. La sua ombra non è altro che la personificazione della sua paura, che è la somma di varie altre paure, che la segue e la terrorizza sin dalla nascita. Per separarsi dalla sua ombra, per abbandonare per sempre la sua più grande paura, Epiphanie si lancia in uno strano viaggio, all'interno di un bosco altrettanto strano, lungo il quale farà la conoscenza di personaggi a dir poco eccentrici e...strani!

Attraverso quella che è a tutti gli effetti una favola moderna fatta di sentimenti ed emozioni, i due autori riescono a raccontare quella storia di crescita che caratterizza un po' tutti noi, quel viaggio che prima o poi tutti siamo "costretti" a dover affrontare. Con la loro storia Séverine Gauthier e Clément Lefèvre, provano a infondere coraggio nel lettore (e secondo me ci riescono alla grande) indicando una delle strade da percorrere, per crescere e diventare grandi. Nonostante questa tematica però questo fumetto si presta ai bambini di tutte le et°; con la sua storia infatti la Gauthier riesce a parlare al cuore di tutti i lettori (con me ci è riuscita alla grande) e ad infondervi una gran dose di coraggio. E' chiaro che solo affrontando le proprie paure, prendendole di petto e dimostrandole chi comanda, si riesce a crescere e superare gli ostacoli. Questo Epiphanie lo spiega egregiamente, grazie anche alla presenza di uno spassoso cast di personaggi tutti bizzarri e atipici.

La bravura dei due autori sta infatti nell'aver saputo dar vita ad una storia fantastica e eclettica, che si contraddistingue per la presenza di personaggi buffi e fuori di testa, personaggi che creano un filo diretto tra quest'opera e l'Alice di Carrol. Perché poi diciamocelo, Epiphanie è a tutti gli effetti una moderna Alice! Entrambe compiono un viaggio, alla riscoperta di se stesse, affrontano le loro più grandi paure e alla fine ne escono maturate e cambiate. C'è il tema del bosco che da inizio alla storia e che fa da sfondo alla storia, il tema dell'eccentricità, dimostrata proprio dai personaggi che ruotano attorno alle due bambine, ma soprattutto c'è, anche nella storia di Epiphanie, la volontà di voler raccontare la realtà attraverso elementi assurdamente fantasiosi. 

Il tutto è corredato da tavole a dir poco meravigliose, che riescono ad esprimersi appieno soprattutto quando i testi sono ridotti al minimo o sono assenti del tutto (come nelle primissime pagine). Il tratto e morbido e delicato, mescola lo stile delle illustrazioni fiabesche con quello moderno del graphic novel, ricorrendo ad una paletta di colori dove il verde sembra voler fare da padrone e dove i colori caldi, nonostante siano ridotti al minimo, riescono a farsi strada in un mondo freddo e pauroso. Il tratto mi ha letteralmente incantato, dalla prima all'ultima pagina, costringendomi a cercare sul web sempre più illustrazioni di Clément Lefèvre, che a mio parere è un vero e proprio genio. Tutto è delicato ma allo stesso tempo assurdo e bizzarro in questo fumetto, un connubio perfetto e atipico, che rende questo fumetto unico e speciale.


Questo lunedì inizia col botto amici, perché siamo davanti ad un graphic novel a 5 stelline che non potete assolutamente perdere!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento