giovedì 10 maggio 2018

A Tutto Manga: La mia prima volta di Niloo (Recensione)

LA MIA PRIMA VOLTA

Buongiorno e bentrovati amici di Everpop, con un nuovo titolo targato Mangasenpai, uno shojo per i più grandicelli che vi farà senz'altro sospirare a più riprese. Siete pronti a La mia prima volta di Niloo?
LA MIA PRIMA VOLTA di Niloo
                                                                                                                  

EDITORE: Mangasenpai | GENERE: Narrativa
PAGINE: 160pp | TITOLO ORIGINALE: Mein erstes mat
USCITA: 04 mag 2018 | PREZZO: € 6,90 | EBOOK: € 

                                                                                                                  


TRAMA

Kiki è una sedicenne alla ricerca del primo vero amore, il ragazzo con cui condividere la prima volta. Sebbene imbarazzata dal tema, Kiki è anche molto curiosa e l’arrivo dell’affascinante Luke nella sua classe farà scattare in lei “quell’ingranaggio”…. Sarà l’occasione della festa di compleanno di Charly, il suo migliore amico, a creare quell’alchimia tanto speciale. Intorno a Kiki, però, si muove una schiera di personaggi molto particolari, tutti a loro modo unici. Come Ben, un amico di Kiki, segretamente innamorato della ragazza, o Melly, la sua migliore amica, una ragazza estremamente diretta e senza peli sulla lingua. Al centro assoluto di questo piccolo universo di adolescenti ci sono le storie d’amore e il sesso. Lo stare insieme visto sotto tanti punti di vista è, però, affrontato in La Mia Prima Volta, con una maestria tale che raramente si è letto uno shojo manga così spigliato e diretto nella gestione di “certe” tematiche. Niente mezzi termini… in questo manga per ragazze (ma che non dispiacerà sicuramente nemmeno ai ragazzi! <3) le cose che dovrebbero accadere accadono senza che ci vogliano 20 volumi, i baci che devono essere dati… vengono dati e le incomprensioni sono ridotte quasi a zero… perchè l’adolescenza è una corsa sfrenata verso la maturità.

MY POINT OF VIEW
                                                                          
                                                 


Essendo ormai anni che leggo ogni genere di manga devo ammettere di aver fatto il callo anche con gli Shojo. Realizzarne uno è difficile perché ormai, anno dopo anno, il catalogo si è fatto chilometrico e trovare la storia giusta, mai raccontata prima, è difficile. Niloo in qualche modo ce la fa, con una storia che sa di già visto e già sentito, certo, che però spicca per la sua tenerezza, i meravigliosi disegni, ma soprattutto i temi affrontati e il modo con cui l'autrice li affronta e cioè in modo maturo e frizzante.

La storia parla di Kathrin, da tutti nota come Kiki, una ragazza dolce e intelligente che vive la sua vita quotidiana circondata da tantissimi amici. Le sue giornate si dividono tra scuola e uscite tra amici, ma subiscono un imprevisto cambiamento quando in città arriva il bel Luke, il nuovo compagno di classe per cui Kiki perde immediatamente la testa. L'innamoramento scatta all'istante, tra sguardi furtivi e sorrisi incantevoli, che lasciano Kiki con il cuore palpitante, proprio a causa di questo nuovo e enigmatico ragazzo, che la fa sentire per la prima volta innamorata.

Nonostante la storia ruoti attorno a Kiki e al suo amore per Luke, bisogna sottolineare la bravura dell'autrice nell'essere riuscita a trovare il giusto spazio ad ognuno degli altri protagonisti che ruotano attorno alla dolce ragazza dai capelli biondi. Primo tra tutti Ben, l'amico da sempre innamorato che ora si vede portar via, davanti ai propri occhi, la ragazza che ha sempre amato in gran segreto. Ben però non è l'unico a spiccare con la sua personale storyline, anche personaggi come Caro, con il suo passato travagliato, o Melly, con la sua impulsività, hanno una propria storia da raccontare e condividere con il lettore. L'unione di queste particolarissime personalità permette così all'autrice di dar vita ad una storia basata su tematiche diverse ma incredibilmente forti, che rendono questo fumetto interessantissimo. 

L'adolescenza viene raccontata nelle sue diverse accezioni e sfumature, proprio come succede spesso negli shojo manga e come in passato è successo con Marmalade Boy, a cui il fumetto di Niloo assomiglia per certi versi. Con la serie della Yoshizumi questo fumetto condivide la scelta di un cast numeroso e variegato, un triangolo amoroso che ben presto diventa qualcosa di più grande, ma soprattutto i timori della protagonista, che sono il vero e proprio fulcro centrale dell'opera. Kiki assomiglia ben poco a Miki, anzi in un certo senso sono diametralmente opposte, eppure entrambe si assomigliano proprio per le incertezze e i timori legati ai primi amori e alle prime delusioni.

Tematiche adulte e serie, come ad esempio il primo approccio al sesso e ai timori che esso comporta, rendono questa miniserie molto più josei che shojo, anche se in quanto a dolcezza il fumetto non ha nulla da invidiare a molte delle serie che sono state pubblicate in passato. Alternando delicatezza a attimi di pura realtà, contraddistinti da ansie e timori, Niloo riesce quindi a parlare di un argomento, il sesso, senza però mai cadere nel volgare e nel banale. L'autrice ci parla delle prime volte, delle prime esperienze, con gran tenerezza e raffinatezza, condendo questi momenti speciali e importanti sia con scene divertenti che con scene molto più forti o a volte persino malinconiche. Si parla quindi d'amore ma anche di paura, si parla di cuori palpitanti, di sospiri, di delusioni e di timori; la paura di sbagliare è senza dubbio un tema assai vivo e importante, forse il catalizzatore dell'intera opera che rende il fumetto piacevole e incredibilmente scorrevole.

L'eleganza della storia si traducono in disegni altrettanto raffinati, in sfondi ricchi e luminosi sui quali si muovono personaggi stupefacenti, caratterizzati da un tratto morbido e delicato, soprattutto a livello del viso, dove la linea si assottiglia dando la giusta valenza ai tratti distintivi di ognuno dei personaggi. In particolar modo ho trovato le labbra dei protagonisti davvero affascinanti, un particolare che viene accentuato e messo in risalto, soprattutto nei momenti più "romantici". Nonostante questo particolare però c'è da dire che i protagonisti sono tutti caratterizzati e rappresentati nel dettaglio, con una minuzia e una precisione degna dei grandi artisti del fumetto nipponico.

La storia di Kiki ha fatto sospirare anche me che sono un ragazzo, quindi non esitate a farvi travolgere dai sentimenti e a (ri)scoprire l'incanto della prima volta.
See you soon! -Lewis

2 commenti: