martedì 7 febbraio 2017

Libri, Letture, e (La) Recensione: Remember di Ashley Royer


Buongiorno dolci amici di Everpop! Siete pronti ad una nuova recensione? Quest'oggi a tenerci compagnia c'è Levi, il protagonista di Remember!


REMEMBER
di Ashley Royer
                                                                                           

TITOLO ORIGINALE: Remember to Forget

EDITORE: De Agostini

GENERE: YA Romance

PAGINE: 380pp

PREZZO: 14,90

USCITA: 31 gen 2017



TRAMA

Dopo la tempesta arriva sempre il sereno. Levi ne era davvero convinto. Per tutta la vita ha osservato la pioggia e rincorso gli arcobaleni, credendo ciecamente nel lieto fine. Ma un giorno le cose sono cambiate: il giorno in cui Delia, la sua ragazza, è morta in un tragico incidente d’auto. Da quel momento il temporale l’ha inghiottito, e la luce non è più tornata. Così Levi ha smesso di parlare. Furioso con il mondo intero, Levi ha deciso di non permettere a nessuno di forzare l’armatura dietro cui si è barricato. Né a sua madre che lo ha spinto a lasciarsi alle spalle il passato e l’Australia, né a suo padre che gli ha aperto le porte di casa in Maine, e nemmeno a Delilah, la ragazza che gli è apparsa come in un sogno e gli ha ricordato terribilmente Delia. Delilah in realtà è più che contenta di stargli alla larga: l’ultima cosa di cui ha bisogno è un tipo così scontroso e imprevedibile. Ma più passano i giorni, e più si rende conto che, dietro quel modo di fare insolente e sprezzante, si nasconde un’anima profondamente ferita, un cuore spezzato che deve ritrovare se stesso. E solo lei può aiutarlo. Dalla penna di un’autrice giovanissima, una storia sorprendente che racconta in modo delicato l’amore, il lutto e la malattia. Un romanzo indimenticabile che ha conquistato il premio votato dai lettori di Wattpad come esordio letterario dell’anno. Un nuovo, straordinario fenomeno nato dal web.


MY POINT OF VIEW
                                                                                        
                                                                    

E' sempre bello quando un romanzo riesce a sorprenderti, soprattutto se le aspettative che avevi inizialmente non erano per nulla alte. Ammetto che inizialmente mi aspettavo una storia sdolcinatissima, qualcosa di "esasperato", un Romance carico di cliché. Non saprei dire il vero motivo, forse la giovane età dell'autrice, che avevo sottovalutato, o forse la storia, che sapeva di "già letto". Fortunatamente Remember è riuscito a farmi ricredere, e io non posso che esserne felice!
Tutto inizia con un amore, quello che lega indissolubilmente Levi a Delia, e allo stesso modo tutto finisce con quell'amore, che genera un baratro oscuro dentro e fuori Levi, il quale per far fronte alla perdita della sua amata, decide di chiudersi nel silenzio più assoluto, che si tramuta ben presto in una barriera invalicabile. Per far fronte a questo grave problema la madre di Levi gli propone di cambiare aria, e di trasferirsi dall'Australia al Maine. L'aria del Maine però, unita alla vicinanza di un padre ormai lontano da tempo, non fanno certo bene a Levi, e anzi sembrano quasi peggiorare il suo precario stato mentale. La presenza poi di una nuova vicina, Delilah, così simile alla defunta Delia, renderà tutto molto più difficile, emozionante e travolgente.
La storia di Levi, fatta di ansia, paure, debolezze, ma soprattutto dispiaceri, è riuscita a toccarmi e a tenermi incollato alle pagine del libro, incuriosito da quello che sarebbe potuto succedere. Nonostante la trama non presenti grandiosi colpi di scena, il libro è piuttosto scorrevole ed interessante, e riesce inoltre a non essere mai noioso, nonostante qualche piccolo cliché (che perdoniamo alla Royer). Con incredibile delicatezza, dolcezza, e ingenuità la giovane autrice riesce a tratteggiare una situazione assai spiacevole, e tirare fuori il coraggio che ci vuole a scrivere una storia così intensa, con al centro di tutto una malattia mentale.
Levi però non è solo questo. Levi è come un'arcobaleno di colori, un diamante (grezzo) dalle mille sfaccettature, che aspetta solo il momento di tornare a brillare. Nonostante la sua malattia il protagonista di questo romanzo riesce a comunicare senza l'uso delle parole, tramite i suoi silenzi, i suoi gesti, la sua timidezza, che genera una sconfinata empatia con il lettore, che è portato naturalmente a provare simpatia verso questo sfortunato ragazzo, per il quale è impossibile non fare il tifo. Il suo personaggio mi è piaciuto davvero molto perché è uno di quei personaggi che reggono, un personaggio con un background ben studiato, uno di quelli che ti ricordano un caro amico. L'unica pecca nella sua caratterizzazione sta nel fatto che risulta essere un personaggio un po' femminile. Ahimè in determinati momenti le sue reazioni risultano essere quelle di una ragazza, piuttosto che quelle di un ragazzo nel bel mezzo dell'adolescenza, ma è un "errore" che ci si aspetta da una giovane autrice al suo esordio.
Allo stesso modo l'autrice riesce a caratterizzare in modo approfondito anche gli altri personaggi, che si muovono in modo spontaneo e naturale, in una realtà non molto diversa dalla nostra. Quest'attenta caratterizzazione rende ulteriormente la storia interessante e vera, come una sorta di racconto passato di orecchio in orecchio, la storia di un caro amico.


Concludo consigliandovi questa lettura leggera ed emozionante, che saprà tenervi compagnia anche nelle giornate più uggiose e malinconiche!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento