giovedì 23 novembre 2017

Liete Novelle: La legione occulta di Roberto Genovesi, Andrea Meucci e Lorenzo Nuti (Recensione)


LA LEGIONE OCCULTA DELL’IMPERO ROMANO

Bentrovati amici di Everopop, oggi si fa un tuffo nell'Antica Roma, alla scoperta di uomini straordinari, protagonisti di La legione occulta dell'impero romano di Roberto Genovesi, Andrea Meucci e Lorenzo Nuti.
LA LEGIONE OCCULTA di Roberto Genovesi, Andrea Meucci e Lorenzo Nuti
                                                                                                                  
EDITORE: Newton Compton | GENERE: Fantasy Storico
PAGINE: 120pp | TITOLO ORIGINALE: La legione occulta
USCITA: 26 ott 2017 | PREZZO: € 10,00 | EBOOK:
                                                                                                                  

TRAMA
Per la storia ufficiale non sono mai esistiti. Solo le leggende, le chiacchiere scambiate tra i fumi dell'alcol tra i viandanti ubriachi, raccontano della misteriosa Legio Sine Nota. Veggenti, auguri, negromanti e aruspici, raccolti da bambini nelle arene, nei mercati degli schiavi e nei villaggi dati alle fiamme: sono gli uomini di Victor Julius Felix, addestrati a dialogare con spettri e dèi, per evocarne la protezione o sfidarne la cieca violenza, avvezzi a lottare nel campo del soprannaturale, dove niente può la daga romana. Un prezioso alleato per il nascente impero di Augusto, un pericoloso nemico per chi trama contro Roma...

MY POINT OF VIEW
                                                                       
                                                  

Prima di iniziare devo premettere una cosa: tra me e la storia dell’Antica Roma non corre certo buon sangue. Devo però allo stesso tempo ricredermi perché gli autori di questo fumetto mi hanno letteralmente senza fiato. Ho riscoperto una storia antica, condita da elementi fantasy, che mi ha appassionato dalla prima all’ultima pagina, una storia che ha saputo mescolare abilmente elementi fantastici e occulti a quelli storici e reali. 

La trama si concentra su un periodo storico ben preciso, analizzandolo sin nel profondo, fino ad arrivare a dei personaggi, delle personalità “speciali”, che la Storia ufficiale non ha mai considerato, rendendoli semplicemente delle ombre inesistenti. Gli enigmi ruotano tutti attorno alla misteriosa Legio Sine Nota, una compagnia che raccoglie molti di questi personaggi: negromanti, veggenti, auguri e anche tanto altro. Insomma una sorta di X-Men del passato. Sotto la guida di Victor Julius Felix, mentore e spezzatore di catene, ognuno di questi ex-bambini sfortunati marcia incontrastato al sol scopo di ripagare il “debito” verso il loro salvatore, al servizio dell’Imperatore Augusto e del suo glorioso impero. Lotte, dispute, trame e tranelli si insidiano tra le fila di questa particolarissima compagnia, pronta a tutto pur di uscire dall’ombra. 

Devo ammettere che questo graphic novel mi ha piacevolmente sorpreso, sia per quanto riguarda l’apparato grafico, sia per la storia che seppur breve riesce a colpire fino in fondo. Qualche pecca ahimè il volume la possiede, e riguarda proprio l’andamento della storia, interessante sì ma anche terribilmente veloce. Gli eventi si susseguono troppo velocemente e i cambi di narrazione e punti di vista si alternano con un ritmo troppo spedito che a volte confonde anche un po’. Il problema a monte è forse la scelta di un cast di personaggi davvero ricco e vasto, nella quale confluiscono personalità davvero particolari e uniche, che non permette agli autori di concentrarsi con precisione su ognuno in particolare e porta la caratterizzazione di questi davvero ridotta ai minimi. 

Se il volume invece si configura come una sorta di prologo, un punto di inizio per una serie a fumetti basata su Storia e magia, be’ alzo le mani e incrocio allo stesso tempo le dita, sperando di poter rivedere almeno uno di questo intriganti personaggi, che mi hanno letteralmente ammaliato, soprattutto per quanto riguarda i poteri di alcuni di loro. La magia è infatti un tema assai interessante, quello che forse gli autori riescono a trattare meglio e che immancabilmente finisce per diventare protagonista, dominando sull’intera storia. La magia si mostra in svariate forme e assume diversi volti, volti che ammaliano e lasciano senza fiato per la loro potenza. 

Sui i disegni invece è impossibile trovare delle pecce o dei punti di demerito, poiché pagina dopo pagina si mostrano in tutta la loro bellezza “classica”. Lo stile adattato rimanda ai classici fumetti bonelli, attraverso un tratto leggero ma allo stesso tempo forte e dinamico, che si sviluppa attraverso un uso del bianco e del nero perfettamente bilanciato, e che inoltre si adatta perfettamente con le arie un po’ cupe dell’opera. I personaggi sono ben proporzionati ed i volti curati nel dettaglio, al punto tale da incantare il lettore attraverso la loro espressività. Tra tutti ammetto di essere rimasto a bocca aperta davanti al personaggio di Jago, che mi ha colpito non solo per il suo potere e la sua forza, ma anche per il suo aspetto da oscuro sciamano. 

Insomma come punto di partenza direi che questa nuova linea editoriale della Newton parte davvero con il piede giusto. Provate a leggere questa storia senza però lasciarvi intimorire dal genere, perché vi assicuro che una volta iniziato questo volume vi trascina sin dentro al cuore della storia, senza che voi possiate accorgervene. Pronti a fare un tuffo nel passato? 
See you soon! -Lewis


Nessun commento:

Posta un commento