giovedì 5 aprile 2018

Liete Novelle: Aqualung 3 di Jacopo Paliaga e French Carlomagno (Recensione)

AQUALUNG

Buon venerdì Evereaders! Concludiamo la settimana in compagnia del terzo volume di Aqualung del duo formato da Jacopo Paliaga French Carlomagno! Pronti all'azione?
AQUALUNG 3 di Jacopo Paliaga e French Carlomagno
                                                                                                                  
EDITORE: BAO Publishing | GENERE: Fantascienza
 PAGINE: 224pp | TITOLO ORIGINALE: Aqualung #3
USCITA: 15 mar 2018 | PREZZO: € 19,00 | EBOOK: € 6,54
                                                                                                                  

TRAMA

Jacopo Paliaga e French Carlomagno hanno creato un universo articolato, concreto e convincente con il loro pluripremiato webcomic Aqualung. BAO Publishing da due anni ne pubblica le edizioni cartacee, solitamente ampliate e rivedute, con l’obiettivo di raccogliere tutta la serie, che durerà cinque volumi, o “stagioni”. In questo terzo libro, personaggi vecchi e nuovi si alleano per far fronte a una minaccia comune, i cui precisi contorni si capiranno solo alla fine del volume. Azione, introspezione, contrasti e fortissimi legami affettivi saranno il collante e il contrappunto dei battiti vitali di un cast sfaccettato e caratterizzato in maniera certosina, grazie all’abile uso dei dialoghi da parte di Paliaga e alla perizia grafica, in ascesa verticale di volume in volume, di Carlomagno; questi due autori sono uno dei team creativi più interessanti emersi dalla scena indie negli ultimi anni!

MY POINT OF VIEW
                                                                          
                                                 

Ve lo dico sin da subito, anche stavolta mi sento un vero fanboy, ma non è colpa mia, credetemi, mi viene spontaneo quando ci sono di mezzo Jacopo, French e le loro fantastiche storie. Anche stavolta mi sono sentito letteralmente catapultato in un mondo fantastico, un mondo che sembra uscito direttamente da una serie tv, un mondo misterioso e fantascientifico nel quale mi piacerebbe vivere, da protagonista, che poi è come mi fanno sentire ogni volta i due autori quando mi ritrovo a leggere una loro opera; ogni volta che inizio uno dei loro fumetti sembra quasi che la storia sia stata scritta per me, su misura, fatta apposta per me e questo è una cosa che mi succede assai di rado con le altre opere, soprattutto quelle a fumetti.

Anche questo terzo volume si caratterizza per un'abbondante dose di azione e fantascienza, per intrighi lotte e misteri, ma ancor di più questo terzo capitolo della serie Aqualung si caratterizza per una storia tutta al femminile. Era chiaro sin dal primo volume, ancor di più nel secondo, con l'apparizione di Beth, che questa sarebbe stata una serie in cui la componente femminile avrebbe avuto un peso maggiore e infatti così è stato! La presenza di personaggi come Holly, Beth e Isabel, schiaccia e mette in ombra il vasto cast di personaggi maschili, che vengono immancabilmente sopraffatti, in un modo o nell'altro, da queste tre grandi personalità e potenze. Tre grandi eroine femminili per un fumetto "da ragazzi" uno di quelli che solitamente finiscono velocemente nella lista dei lettori maschili, che incredibilmente riesce a ritrovarsi in almeno una delle tre protagoniste; una serie quindi per ogni tipo di lettore, dal più giovane a quello più esperto, dal più piccolo a quello più grande. French e Jacopo ne hanno di stoffa (di talento) da vendere e anche stavolta infatti riescono a sottolineare la loro immensa bravura!

Il mistero si infittisce, si entra sempre più nel vivo dell'azione e Cold Cove viene distrutta ogni giorno di più. Dopo gli eventi esplosivi del volume precedente, la triste dipartita di uno dei personaggi (uno dei miei preferiti vorrei sottolineare [JACOPO SO CHE LEGGI E SAPPI CHE CE L'HO CON TE]), la fuga di Holly e alcuni dei misteri che son venuti al pettine (mentre tanti e tanti altri sono entrati in ballo), questo terzo capitolo della serie si apre proprio con Beth, la misteriosa e portentosa ragazza conosciuta nello scorso volume, l'eroina incasinata che si ritrova nuovamente sola, circondata dal pericolo, dagli inganni e da un padre spregevole che la considera solo e soltanto un'arma e una fonte di vita. Beth è in realtà un po' la protagonista di questo terzo volume, il fulcro attorno al quale ruota la nuova trama, le lotte e gli enigmi, che partono tutti dalla sua figura e dalle atroci pene provate dalla ragazza durante l'infanzia. La nostra protagonista dal ciuffo rosa è potente, possiede un potere sensazionale, ma ahimè é tutta sola, lasciata in balia di se stessa e degli eventi che non fanno altro che pesarle sulla sua intera figura. 

Ma se questo è un volume dedicato a Beth, allo stesso tempo questa è anche un po'' (forse più di un po') la storia di Fred Bishop, lo spietato e pazzo scienziato padre dell'adolescente che cerca in tutti i modi di rafforzarsi in vista di un'imminente "guerra" da lui annunciata già nello scorso volume. Sarà anche un super cattivo ma la sua è una figura incredibilmente affascinante, con un background degno dei super cattivi del cinema o forse anche più. Jacopo Paliaga dimostra infatti per l'ennesima volta che i personaggi da lui creati acquistano vitalità nel vero senso della parola, risultando incredibilmente reali, proprio grazie ad un'attenta e minuziosa caratterizzazione che si riflette in forza ed energia, quella stessa energia che fa scoppiare le incredibili battaglie alla base di questo fumetto.

Le lotte! Cavoli nelle scorse recensioni non mi ero mai soffermato su questo aspetto che, seppure di peso inferiore rispetto ai misteri e le emozioni che caratterizzano i protagonisti, rendono la serie una vera e propria bomba! Tutte le pagine di lotte e battaglie sembrano quasi esplodere, uscire fuori dalle pagine e riempire lo spazio che circonda il lettore, catapultandolo così nel vivo della storia. Il ritmo che contraddistingue queste pagine è rapido e serrato, fluido (come del resto è l'opera nella sua interezza) e scorrevole, letteralmente esplosivo e coinvolgente. Un ritmo che ti inietta adrenalina per poi lasciarti senza fiato, ma incredibilmente eccitato.

E stavolta permettetemi di elogiare quanto basta il mitico French Carlomagno senza il quale la serie non sarebbe così forte e dinamica. Grazie al suo talento, all'affiatamento e alla fiducia che lo lega a Jacopo, il nostro Carlomagno riesce a regalarci ogni volta tavole sempre più ricche e sensazionali, tavole prorompenti che bucano letteralmente il foglio. FRENCH E' UNO DEI MIGLIORI FUMETTISTI ITALIANI, devo dirlo e gridarlo ai quattro venti, la risposta italiana ai grandi fumettisti americani delle testate supereroiche di cui noi lettori italiani dovremmo andare tanto fieri (ed io lo sono!). Il suo tratto riesce a sintetizzare e animare le idee geniali di Jacopo, riuscendo ogni volta a tradurre in immagini emozioni come rabbia, paura, ansia e coraggio, che sono alla base dell'ottima sceneggiatura che fa da fondamenta a questa fantastica serie.



Vorrei continuare a star qui a parlare di Aqualung e in particolare di questo terzo magnifico volume che ho adorato ancor di più dei precedenti, vorrei continuare a parlare di questi due grandi autori che mi rendono ogni volta un fanboy della peggior specie, ma rischierei forse di avventurarmi nell'oscuro mondo degli spoiler e tedierei senz'altro tutti voi, quindi vi do semplicemente appuntamento al quarto volume, che spero vivamente possa arrivare quanto prima, perché IO PROPRIO NON SO ASPETTARE (Jacopo ancora una volta, so che leggerai, quindi NON FARMI SOFFRIRE).
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento