martedì 25 luglio 2017

A Tutto Manga: The Boy and the Beast di Renji Asai (Recensione)

Buongiorno e buon lunedì amici di Everpop! Iniziamo la settimana con la recensione ad una miniserie a fumetti che vi straconsiglio!



THE BOY AND THE BEAST
di Renji Asai
                                                                                           

TITOLO ORIGINALE: The Boy and the Beast

EDITORE: Panini Comics

GENERE: Shionen

VOLUMI: 4 (Serie Conclusa)

PREZZO: 4,50€ cad

USCITA: 31 mar 2016


TRAMA

.Le straordinarie avventure del giovane Kyuta e della stranissima creatura di cui è discepolo: Kumatetsu…


MY POINT OF VIEW
                                                                     
                                           

Avevo la serie completa già da un mesetto, che se ne stava lì sulla mensola più alta della libreria in attesa di essere letta, completa ed intatta sin dalla prima uscita (parliamo di Marzo del 2016). Da più di un anno quindi rimandavo la lettura di questa miniserie, in attesa di averla finalmente completa, eppure nonostante questo a serie conclusa non mi decidevo mai ad iniziarla...fino a due giorni fa, quando l'ho letteralmente divorata in un pomeriggio e poi riletta ieri, per poterne nuovamente ammirare le tavole. Credetemi, se davvero volete leggere questa storia, se davvero volete rimanerne estasiati (com'è successo a me), vi consiglio di leggerla solo quando avrete nella vostra libreria tutti e quattro i volumi. 

Ma bando alle ciance e parliamo un po' del manga.

Questa è la storia di un'amicizia, una strana storia familiare, ma soprattutto una storia di crescita, anzi no una DOPPIA storia di crescita! Questa è la storia di Ren, un ragazzino che rimasto solo, a seguito della morte prematura della madre e della sparizione del padre, scappa dai suoi tutori per ritrovarsi inaspettatamente in un mondo parallelo e sconosciuto, popolato da strani esseri, che si rivelano essere dei veri e propri demoni. E qui a Jutengai che Ren fa la conoscenza di Kumatetsu (che in realtà aveva già incontrato nel mondo umano), l'altro protagonista di questa serie che si rivela essere un demone orso in lista per diventare il prossimo Gran Maestro. Perso in questo nuovo e immenso mondo Ren non può che accettare malvolentieri la proposta di Komatetsu e diventare suo allievo. Ren diventa quindi Kyuta (nome affibbiatogli da Komatetsu) ed e costretto (almeno inizialmente) a sostenere un duro e severo allenamento, pressoché sconclusionato, che lo porti a crescere e a rafforzarsi, ma anche, allo stesso tempo, ad aiutare il suo maestro che si ritrova inaspettatamente a percorrere lo stesso percorso, nonostante gli anni di esperienza.

Come dicevo questo manga tiene insieme diverse tematiche e allo stesso tempo esplora legami differenti, legami necessari per una storia come questa, che tengono insieme personaggi assai diversi tra loro, che messi insieme riescono a dar vita ad una storia unica nel suo genere. Renji Asai, così come Mamoru Hosoda (creatore dell'opera originale cinematografica), riesce a raccontare e rappresentare quei legami inizialmente labili, che si rivelano essere poi assolutamente inscindibili che avvicinano Ren agli altri: da un lato il legame mestro/allievo che lega Ren a Komatetsu, che matura prima in un legame d'amicizia, per poi evolversi in un vero e proprio rapporto genitoriale; dall'altro invece quello che nella seconda parte della storia (che racconta appunto l'adolescenza di Kyuta) lega Ren a Kaede, una liceale amante della letteratura, legame che si rivela essere ben presto vero amore.

L'Amore. L'amore in questo fumetto viene raccontato e rappresentato nelle sue varie forme. Tra le pagine di questo libro è possibile trovare l'amore nella sua forma più pura, quando si parla di Ren e Kaede, ma si mostra anche nella forma più quotidiana che è quel tipo di amore che lega due membri di una stessa famiglia, anche quando per famiglia si intende un nucleo formato da persone di sangue diverso. Vi è l'amore per le proprie passioni, quello che infondiamo in noi stessi per il raggiungimento dei propri ideali, ma soprattutto l'amore per la vita, che sia la nostra o quella della persona amata. Renji Asai riesce a raccontarlo in maniera egregia, attraverso una storia fatta di sfide e combattimenti, una storia costellata di dure prove e lunghi cammini che portano alla crescita dei personaggi, destinati a sbocciare e a trovare un loro posto nel mondo, che sia quello degli umani, quello dei demoni, o anche solo il cuore della persona amata.

Per concludere bisogna sottolineare il talento dell'autore ai disegni, che riescono senza dubbio a reggere il confronto con quelli della versione animata. Il tratto rispecchia pienamente quello utilizzato da Hosoda e dal suo team al cinema, ma allo stesso tempo si configura per diverse piccole sfumature differenti che arricchiscono l'opera cartacea, permettendo nonostante tutto all'autore di lasciare il suo segno.
Insomma tanti grandi paroloni per dirvi in realtà soltanto una cosa: questa miniserie merita di esser letta, soprattutto se come me avete amato le altre opere che seguono il filone "dal cinema al fumetto": Summer Wars e Wolf Children. Opere molto diverse tra loro, ma legate tra loro dal filo rosso che rappresenta l'amore e la famiglia. Non lasciatevi scappare quest'opera!
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento