giovedì 17 maggio 2018

Manga Bites: La Culla dei Demoni volume 4 di Kei Sanbe (Recensione)

LA CULLA DEI DEMONI

Buongiorno e buon giovedì amici di Everpop! Oggi come avrete capito la giornata sarà tutta dark e quindi vi beccate una nuova recensione a La culla dei demoni di Kei Sanbe.

LA CULLA DEI DEMONI vol. 4 di Kei Sanbe
                                                                                                                  
EDITORE: Star Comics | GENERE: Horror
PAGINE: 218 | TITOLO ORIGINALE: Mouryou no Yurikago
USCITA: 09 mag 2018 | PREZZO: € 5,90 | EBOOK: 
                                                                                                                  

TRAMA
Un viaggio di piacere che si trasforma in un incubo: partiti in nave per una gita scolastica, Ayukawa e compagni si ritrovano bloccati in mare aperto a seguito di un incidente. Come se non bastasse, un feroce assassino si aggira sul relitto e la sua sete di sangue sembra stia “contagiando” anche gli altri passeggeri... Sulla folle “culla” infestata dai demoni, i disperati in cerca di salvezza si sporcano le mani con il loro stesso sangue. Come se sprofondare negli abissi dell’inferno fosse il loro più autentico, oscuro desiderio...

MY POINT OF VIEW
                                                                     
                                                        

Sempre più spietato. Sempre più oscuro. Sempre più terrificante! Questo volume riesce a sconvolgermi e incuriosirmi con una semplicità unica, grazie ad una trama geniale e contorta che si basa quasi completamente sull'analisi dell'animo umano, che tra queste pagine appare quasi sempre come meschino e approfittatore, pronto a tutto per un proprio tornaconto.

A sconvolgermi stavolta è stato un personaggio inaspettato, che ha dimostrato di aver indossato una maschera (e anche alla grande c'è da dire) per tutti e tre i numeri precedenti, apparendo come un personaggio buono e altruista, come un lupo tra le pecore. Un po' meno invece mi ha stupito Miyamura, che ha calcato il suo aspetto ed il suo carattere subdolo ed egoista, che l'ha portata in questo volume a compiere gesti estremi e (lasciatemelo dire) anche assurdi. La folle scalata verso la salvezza di Makoto ed i suoi amici prosegue, con sempre più problemi, che crescono di passo in passo, molte volte assumendo proprio l'aspetto di quelli che possono sembrare alleati, ma che invece non sono altro che uomini e donne pronte a tutto per la salvezza. I gruppi ormai son sempre più, i componenti invece diminuiscono di stanza in stanza, cadendo vittima dei vari assassini a piede libero, sopraffatti dallo strano parassita che li rende una sorta di zombie rabbiosi.

La rabbia viene tratteggiata ancora una volta, arrivando persino al punto di esasperarla, proprio attraverso l'egoismo e la malvagità di Miyamura, che da il suo peggio proprio in questo quarto volume. Come sempre in questi casi, bisogna sempre stare attenti agli umani, ai cosiddetti "normali" che sanno essere molto più spietati e pericolosi degli infetti, che invece agiscono per solo istinto di sopravvivenza. Sotto diversi aspetti, questo fumetto mi sembra la risposta giapponese a serie come The Walking Dead, nel quale gli zombie (o mostri in generale) sono solo il pretesto per raccontare una lotta tra fazioni e gruppi di umani. L'animo umano viene quindi messo a nudo ed esaminato attraverso situazioni estreme e svantaggianti che costringono ognuno dei protagonisti a compiere gesti discutibili.

Per quanto riguarda infine i disegni c'è da sottolineare la bravura crescente dell'autore, che riesce a migliorare ancora una volta, seppur con pochi e semplici passi, attraverso un tratto che è ormai suo e quindi inconfondibile. Ciò che spicca di più però sono gli sguardi dei protagonisti, sguardi folli e rancorosi, sguardi carichi di rabbia e oscurità, che trasfigurano gli umani, rendendoli i veri e propri mostri.


Insomma, se ancora non avete iniziato e amato questa serie, direi che è proprio giunto il tempo di farlo! Non lasciatevela sfuggire, soprattutto se amate le storie dalle tinte oscure che mescolano splatter e horror per dar vita ad uno shonen adrenalinico.
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento