lunedì 28 maggio 2018

A Tutto Manga: One Piece Gold di Eiichiro Oda (Recensione)

ONE PIECE GOLD

Buongiorno e buon lunedì amici di Everpop, con la mia serie manga preferita in assoluto, One Piece ovviamente! Oggi però non parliamo della serie principale, ma bensì dei volumi di One Piece Gold tratti dall'omonimo film supervisionato dal maestro Eiichiro Oda.
ONE PIECE GOLD di Eiichiro Oda
                                                                                                                  
EDITORE: Star Comics | GENERE: Shonen
 VOLUMI: 2 (Completato) | TITOLO ORIGINALE: One Piece Gold
USCITA: 01 mag 2018 | PREZZO: € 9,90 | EBOOK: 
                                                                                                                  

TRAMA

La Ciurma di Cappello di Paglia è rimasta quasi al verde e, con la speranza di arricchirsi, fa vela verso Gran Tesoro, una colossale nave-città dell’intrattenimento letteralmente traboccante d’oro, su cui sorge il più grande e sfarzoso casinò del mondo... Ma la colata di biondo metallo cela agghiaccianti segreti e terribili trappole!

MY POINT OF VIEW
                                                                   
                                       

C'è stato un tempo, non così lontano, in cui in edicola e fumetteria impazzava la mania degli anime comics, dei manga tutti a colori che riassumevano intere pellicole animate tramite i fotogrammi riprodotti su carta. A dare il via a questa mania fu Dragon Ball, serie di punta storica di casa Star Comics, che ripercorrendo le svariate pellicole cinematografiche fece da apripista per serie come Dottor Slump e Arale e Yu degli spettri, i quali film animati divennero fantastici fumetti. Per anni però questa mania si è lentamente spenta, estinta, fin quando però, qualche mese fa la casa editrice perugina non fece un annuncio sconvolgente: la pubblicazione dei due volumi di One Piece Gold che sintetizzano l'ultimo strabiliante film della ciurma di cappello di paglia. 

Ritornare ad interfacciarsi con un anime comics è stato un po' come tornare bambini, ritornare a quei pomeriggi interminabili dal parrucchiere, per far compagnia alla propria madre, in cui l'unica compagnia era data da Goku e Company e dalle loro avventure a colori. Per riportare in auge questo tipo di manga ovviamente Star ha puntato sulla serie di punta di quest'epoca (se così possiamo dire), l'ormai intramontabile e instancabile One Piece del maestro Oda, che sbarca in edicola e fumetteria con un edizione completamente diversa dagli anime comics di una volta, un'edizione curata nei minimi particolari, con un maxi formato e la sovracopertina lucida, al di sotto della quale sono nascosti incredibili schizzi fatti dallo stesso sensei.

La storia, per chi non avesse ancora visto il film (o per quelli come me aspettavano l'uscita del fumetto per poterlo poi vedere) è la seguente. Rufy e la sua ciurma, dopo aver sconfitto a suon di cazzotti il malefico Joker, Do Flamingo, decidono di prendersi una pausa e deviare verso un'isola incantata, un'isola dove ogni giorno scorrono fiumi di soldi e dove i debiti sono all'ordine del giorno: l'Isola Gran Tesoro, una nave immensa sulla quale è lecito il gioco d'azzardo e dove, soprattutto, possono coesistere tranquillamente Pirati e Marines.

Non è tutto oro quel che luccica no? Il nostro buon Cappello di paglia infatti non ci metterà molto a capirlo, a causa di terribili imbrogli e degli spietati poteri dei frutti del diavolo in possesso dei componenti della ciurma del capitan Tesoro. Costretti a scendere in campo, per salvare un loro compagno, Rufy e gli altri dovranno vedersela prima con i componenti di questa ciurma luminosa e "fortunata" e poi con vecchi e rancorosi nemici che attendono nell'ombra pronti ad assalirli.

Che ci sia lo zampino del maestro Oda in questo film è chiaro. In primo luogo per la caratterizzazione grafica dei personaggi, che seguono il classico schema e lo stile del maestro, a partire proprio dal perfido e ambizioso Tesoro. Poi risulta chiaro il suo intervento soprattutto per la trama ed il suo sviluppo, in particolar modo per quanto riguarda le scene d'azione e i combattimenti. Tutto è ovviamente ridotto al minimo, ristretto per essere contenuto in una sola pellicola, ma i vari elementi della serie principali ci sono tutti, a partire dallo sviluppo della ciurma.


Due volumoni imperdibili (di cui, mi raccomando, non spaventatevi per il prezzo perché vale tutto per il maxi formato) che vi faranno sognare proprio come la serie principale, sia per la trama di base che per i combattimenti a cui ormai siamo tutti abituati.
See you soon! -Lewis

Nessun commento:

Posta un commento